Cyberpunk 2077 - Anteprima

5 motivi per credere nel progetto del team polacco

di / venerdì 28 giugno 2019 / Anteprima

Dopo l’annuncio ufficiale alla conferenza E3 del 2017, ed i primi gameplay ufficiali mostrati nell’anno successivo, era ovvio che questa nuova ed annuale presentazione oltreoceano sarebbe stata di fondamentale importanza per capire lo stato dei lavori sul nuovo, macroscopico e promettente progetto in mano ai ragazzi di CD Projekt Red, Cyberpunk 2077. Oltre alla presentazione comprendente nuovi spezzoni ed un ospite a sorpresa del calibro di Keanu Reeves, l’E3 2019 ha permesso a stampa e semplici curiosi di venire a conoscenza della data ufficiale per il rilascio del titolo; 16 Aprile 2020. Tante informazioni, più o meno confermate in questi ultimi tre anni, hanno fatto impennare l’asticella dell’hype e delle aspettative al limite, ma proviamo a raccogliere qualche elemento degno di nota e capire perché, anche secondo noi, il prossimo anno potremmo trovarci davanti ad un nuovo immenso titolo, capace di diventare un nuovo punto di riferimento per l'intero mercato videoludico.

 

1) Il background degli sviluppatori - Parliamoci chiaro, lo studio di sviluppo made in Polonia, nel 2011 aveva già  deliziato i palati dei fan del genere GDR grazie all’uscita (prima su pc e poi console) di The Witcher 2: Assassins of Kings. Apripista per la meritatissima gloria raggiunta con il terzo capitolo, considerato tutt’ora uno dei migliori videogames della generazione e non solo. Musiche evocative, personaggi sfaccettati, ambientazioni e panorami da togliere il fiato; un concentrato di scelte che su schermo hanno fatto gioire chiunque per ore e ore. Insomma, il successo ottenuto con la saga dello Strigo è un eloquente biglietto da visita, capace di catalizzare un vortice di attenzioni già dal primo annuncio del nuovo progetto. Le promesse degli sviluppatori riguardano la trasposizione delle stesse colonne portanti nel precedente progetto portandol però sotto una nuova ottica; open world stratificato e ricco di contenuti, storia principale con ramificazioni ed eventi secondari incalzanti, combat system curato e musiche di prim’ordine: quante di queste si trasformeranno in realtà non ci è dato ancora saperlo se non con la prova effettiva, ma per quanto mostrato non possiamo proprio lamentarci.

2) Ambientazione - Cyberpunk 2077 porta i giocatori in una giungla urbana densa di acciaio, apparecchiature tecnologiche delle più stravaganti forme, androidi ed enormi luci al neon. Da qui la prima forte spaccatura con il passato (lo stile fantasy-medievale), lasciando spazio ad un futuro distopico dove organizzazioni criminali più o meno inserite nel tessuto sociale come parassiti, si cibano dall’interno. Un tripudio di effetti visivi mostrati nei trailer e gameplay in questi ultimi due anni che non possono non farci pensare al mondo di gioco come uno dei punti di forza dell’offerta. Night City ospita un clima dinamico ed un livello di dettaglio e di modellazioen poligonale raramente così imponente; durante anche solo le semplici passeggiate mostrate nei video alla conferenza, sembra incredibile vedere con quale naturalezza i cittadini svolgono le attività di routine, o con quanta diversità reagiscono alle nostre azioni, pacate o aggressive che siano. Sinonimo di una cura per i particolari maniacale.

3) Keanu Reevs – Forse il punto più alto della conferenza Microsoft e non solo, nel bene e nel male. Prima una “semplice” quanto immediata dimostrazione su schermo della digitalizzazione dell’attore davanti al nostro personaggio, dove si nota un lavoro nei dettagli facciali spaventoso, susseguita dall’effettiva quanto inaspettata entrata in carne ed ossa sul palcoscenico, accompagnata dalle ovazioni dei presenti. Il “Neo” della trilogia Matrix, protagonista nella sua carriera trentennale (ed oltre) anche in Costantine o puri film action del calibro di John Wick, seguitissimo su internet grazie all’incredibile temperamento mite e gentile rispetto alla quotidianità e disponibilità per i propri fans. Un fulmine a ciel sereno, una mossa a livello di marketing geniale, fondamentale per cavalcare l’onda (di internet) del momento nel suo punto massimo. Per ora però, la natura del personaggio che interpreterà è avvolto ancora nel mistero; il nome è Johnny Silverhand e sembra essere un’intelligenza artificiale (forse impiantata tra i circuiti del nostro personaggio in pieno stile Cortana in Halo) molto importante per la struttura narrativa e che potrebbe apparire e rivolgerci parola spesso durante le innumerevoli ore digameplay. Confidiamo quindi che non sia solo un ruolo di contorno, ma che presenti ancora tante sorprese.

4) Gameplay effettivo – Cyberpunk 20077 è un GDR opern-world totalmente in prima persona. Qui troviamo un’altra rottura con la tradizione dello strigo, ricca di combattimenti all’arma bianca con visibilità completa dell’eroe da dietro le spalle. Nonostante i primi dubbi, i diversi videogameplay hanno sorpreso e convinto fin da subito per questa scelta, considerando il mondo di gioco, aumentando il senso di coinvolgimento nell’osservare tutto ciò che ci circonda. Gli scontri corpo a corpo lasciano spazio ad un forte utilizzo delle armi da fuoco con interessanti possibilità e meccaniche che strizzano l’occhio a quanto visto in passato ad esempio nella serie Deus Ex. Per i dissidenti della nuova feature, comunque, gli sviluppatori hanno promesso la solita mole spropositata di bivi narrativi, finali multipli e secondarie degne di racconti praticamente a sé stanti, dove i dialoghi e le scelte influenzano le successive azioni: CD Projekt Red ha addirittura promesso la possibilità di completare il gioco senza uccidere nessuno, con grande gioia degli amanti dell’arte oratoria e delle fasi stealth con armi ed abilità non letali. Niente scelte morali che rischiano di etichettare o limitare le azioni del giocatore a seconda del percorso intrapreso, l’unica morale possibile sarà sempre quella ai confini dell’etica intrapresa dal videogiocatore stesso, senza alcun’eccezione.

5) Supporto post lancio – Vera e propria condizione per decretare la vita di un videogames, il concetto del supporto post lancio ha sempre rischiato di aggravare le aspettative, come un’imponente spada di Damocle pronta a cadere sulle loro teste alla prima grossa delusione della community. Riprendendo un po’ il concetto del primo punto di questo elenco, il lavoro dello studio di sviluppo polacco anche sotto questo punto di vista ha settato nuovi standard qualitativi per tutto il settore. Le espansioni di The Witcher 3, Hearts of Stone e soprattutto Blood and Wine, sono da considerare per la mole di lavoro che li rappresenta, dei giochi a parte; il tutto poi ad un prezzo onesto sin dal lancio, in barba alla tradizione del periodo che vedeva semplici DLC estetici o con poche novità a prezzi esagerati. Le promesse riguardano un lavoro analogo anche per il nuovo progetto, con espansione vere e concrete che non fanno saranno in alcun modo parti di trama tagliate per poi poi essere vendute a parte. Considerando quanto fatto in passato non possiamo che sentirci tanto tranquilli quanti ansiosi di avere maggiori notizie a riguardo.

CyberPunk 2077 può essere inserito tranquillamente nella top dei giochi da tenere assolutamente d’occhio per il 2020. Una nuova sfida per il team polacco pronto a ribadire le proprie qualità e ad apportando significativi passi avanti al gameplay e all'impatto tecnico. Sarà interessante capire se riusciranno a mantenere intatta la magia che ha fatto affezionare milioni di videogiocatori ai loro precedenti prodotti e al contempo convincere anche i dissidenti grazie alle nuove features come quelle legate allo shooting. Per ora non possiamo che aspettare e sperare che tutto fili liscio, visto che le basi ci sono davvero tutte.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 16/04/2020
  • Sviluppatore / CD Projekt Red Studio
  • Doppiaggio / italiano
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Open world, Gioco di Ruolo, Action RPG, First Person Experience su PlayStation 4, Xbox One, PC

Pegi 18

Social Net

Ultimi Commenti