All-Star Fruit Racing - Recensione

Un centrifugato di divertimeno!

di / venerdì 27 luglio 2018 / Recensione

Al primo assaggio avvenuto allo showcase Microsoft del mese scorso, ero rimasto piacevolmente sorpreso della prova svolta con All-Star Fruit Racing; il progetto tutto nostrano di 3DClouds era riuscito ad incuriosirmi tantissimo nonostante il poco tempo a disposizione durante l’evento, e pazientavo nell’attesa di mettere le mani sulla versione completa e rifinita del titolo. Oggi finalmente, dopo molte gare serrate in compagnia di coloratissimi piloti fruttati, siamo pronti a darvi un parere completo su un videogioco che fa del divertimento immediato il suo cavallo di battaglia.

 

All-Star Fruit Racing è un arcade racing molto spassoso che, anche se strizza decisamente l’occhio al più blasonato Mario Kart, riesce astutamente a depistare le similitudini dalla combriccola del nostro amichevole eroe nintendiano con alcune trovate decisamente interessanti. Intanto, come desumibile dal nome, il gioco fa proprio della frutta il suo tema principale: personaggi, mappe, veicoli, persino il tifo sugli spalti è legato  a questo fresco genere alimentare e, complice il caldo di quest’estate, non può che farci già piacere così. Tanti giovani e determinati piloti sono pronti a sfrecciare tra le isole di questo coloratissimo mondo per la fama e la gloria mista a perenne ovazione di tutti i (gustosi) residenti. La proposta dal punto di vista narrativo termina qui, e considerando l’offerta degli sviluppatori, va benissimo così; l’unico pretesto che abbiamo per saltare in sella al nostro bolide è quello di volerci divertire gareggiando su mappe progressivamente più impegnative contro l’IA oppure contro altri giocatori reali.

Durante le corse potremo prendere diverse tipologie di frutta utile a riempire i rispettivi contenitori con un indicatore posto sul lato destro dello schermo. Man mano che riempiamo un indicatore con la stessa tipologia di succo, potremo scagliare l’attacco specifico contro i nostri rivali; il set varia tra i più classici boost di velocità, trappole di svariato tipo ed attacchi multipli, a seconda dei diversi contenitori riempiti e come decidiamo di combinarli. Proprio così, oltre ai classici attacchi si potranno combinare anche due o più contenitori per dare il via a ulteriori concatenazioni utili per vincere la gara. Arrivati poi a riempirli tutti e quattro potremo usufruire di una speciale mossa, diversa per ogni personaggio: il pilota “Cocco” lancia un enorme cocomero alle sue spalle come fosse una palla da boowling per sbaragliare gli avversari, mentre il pilota “Anguria” ha a disposizione una specie grossa fetta simile alla pinna di uno squalo, da utilizzare contro i piloti posizionati davanti al nostro naso. Un’ottima scelta che permette di aggiungere un pizzico di brio e freschezza durante le corse, con un sistema che si apprende dopo poco tempo, ma che se viene ben assimilato (riconoscendo il prima possibile ad esempio il frutto annesso ad un determinato potere) ci permette di avere un ventaglio di opzioni volte a scoprire la mossa più efficace in un determinato contesto. Se sono primo, risulterà ovvio cercare di accumulare solo slot Juicer legati a scudi difensivi o booster, mentre in vicinanza dei primi posti cercherò di raccogliere più mosse legate agli attacchi mirati per ribaltare la situazione e così via. Interessante, poi, la scelta del team di sviluppo legata alla limitazione della derapata; questa dona si una breve e classica accelerazione, ma se troppo prolungata rischia di scaldare troppo le ruote e farci sbandare ottenendo il risultato opposto.

Per quanto riguarda i contenuti, il titolo si presenta decisamente bene con 22 piloti tutti dotati di un proprio veicolo da personalizzare in un apposito garage che fornisce una valida differenziazione tra colori e aerografie, ruote, cerchioni ed antenne per mostrare il proprio vessillo durante le corse. I piloti invece non sono modificabili e risultano abbastanza anonimi rispetto alle rispettive vetture facendoci desiderare una qualche possibilità di personalizzazione extra. Oltre alle classiche gare personalizzate e le sfide cronometrate risaltano il campionato e soprattutto la modalità carriera; una moltitudine di coppe di difficoltà crescente da poter vincere scalando la classifica generale gara dopo gara, sbloccando nuovi kit per la personalizzazione, corridori e mappe. In All-Star Fruit Racing proprio i circuiti brillano per varietà, con un impatto visivo decisamente appagante: sarà impossibile non affezionarsi a mappe come Frozen Castle o l’Oriente primaverile di Chung Nook. Nemmeno la quantità comunque scarseggia, con ben 5 isole legate alle stagioni che vanno a comporre 21 circuiti, più una bonus, tutte sapientemente integrate con il tema fruttoso dell’intero gioco. Se è vero che le piste sono apprezzatissime per fantasia e resa generica ammetto di storcere un po’ il naso davanti ai pochi bivi e scorciatoie presenti, così come avrei preferito qualche ulteriore ostacolo naturale soprattutto in determinati circuiti che li avrebbero integrati alla perfezione.

Buona la varietà anche per quanto riguarda le modalità presenti; oltre alle gare classiche caratterizzate dal particolare sistema Juicer sopra descritto, segnaliamo le più blasonate eliminazione ed eliminazione casuale (dove appunto cambia la tempistica del countdown annesso alla rimozione degli ultimi piloti) ed un’ulteriore variante legata ad un ottenimento casuale dei poteri da utilizzare su strada. Proprio su questi ultimi si sottolinea l’efficace lavoro di 3DClouds dal punto di vista del bilanciamento di ogni attacco, essenziale nella realizzazione di gare sempre equilibrate e tese fino all’ultimo istante. Tecnicamente rimaniamo soddisfatti del lavoro finale degli sviluppatori con l'Unreal Engine, nonostante diverse texture (nei brevi frangenti più calmi durante particolari inquadrature) troppo poco dettagliate ed una fluidità delle corse che scricchiola un po’ durante ogni partenza ed ogni qualvolta si utilizzi il tasto direzionale per vedere gli inseguitori alle nostre spalle nei momenti più concitati. Infine nelle sessioni online il titolo sembra rispondere decisamente bene ai carichi della rete, con un infrastruttura migliorata rispetto alle nostre precedenti prove, al netto degli sporadici rallentamenti.

All-Star Fruit Racing è un titolo decisamente interessante che porta con fierezza una ventata d’aria fresca nel panorama degli arcade racing. Un titolo capace di armonizzare sapientemente l’immediatezza dei comandi con una più impegnativa costanza necessaria per affinare la tecnica, legata ad un gameplay che fa dell’elevata frenesia degli slot Juicer da raccogliere e scagliare in pista una colonna portante. Un videogioco accattivante ed anche più impegnativo del previsto, con un IA combattiva già dalle prime corse. Contenutisticamente non possiamo che apprezzare gli sforzi degli sviluppatori tra quantità e qualità, nonostante alcuni singhiozzi tecnici ed alcuni accorgimenti su determinati circuiti che avrebbero potuto alzare ulteriormente l’asticella dell’offerta. Un prodotto comunque di spessore da apprezzare sia con brevissime partite, sia in sessioni di gioco più lunghe, anche grazie al sempre gradito split screen fino a 4 giocatori, capace di ergersi autonomamente a ruolo di ottima alternativa nel proprio genere di riferimento. Ben fatto 3DClouds!

Pro

- Gare divertenti e comunque impegnative fin dall'inizio

- La gestione e combinazione di Juicer è una ventata d'aria fresca per il genere

- Contenutisticamente soddisfacente

- Stilisticamente accattivante

- Ampio ventaglio di personalizzazione dei veicoli 

Contro

- Piloti decisamente anonimi

- Tecnicamente ha ancora qualche incertezza

Redazione

8,0

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 13/07/2018
  • Sviluppatore / PQube Limited
  • Produttore / 3DClouds.it
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1-4
  • Giocatori online / 1-8
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Racing Game Arcade su PlayStation 4, Xbox One, PC, Nintendo Switch

Pegi 3+

Social Net

In evidenza

F1 2018 - Recensione

12 settembre 2018

F1 2018

Ultimi Commenti