Graceful Explosion Machine - Recensione

Colorati e letali

di Andrea Piaggio / venerdì 19 maggio 2017 / Recensione

E pensare che parecchi giocatori temevano un’ipotetica assenza di giochi su Switch… La nuova console Nintendo ha proposto capolavori tripla A come Zelda e Mario Kart ma si è mossa molto bene anche sul versante dei titoli indipendenti, proponendo ogni settimana uscite di valore. Tra queste c’è sicuramente Graceful Explosion Machine, uno sparatutto a scorrimento old school che farà impazzire gli appassionati di questo genere amatissimo, in special modo i veterani che sanno il significato della parola “coin-op”.

Nel nuovo gioco Vertex Pop non c’è grande spazio per una trama e, a dirla tutta, non se ne sente nemmeno la mancanza. La nostra piccola astronave inquadrata lateralmente dovrà semplicemente muoversi in livelli piuttosto semplici, cercando di eliminare tutti gli avversari che man mano compariranno. La struttura degli stage è “circolare”, così che se andate a destra o a sinistra, dopo pochi secondi vi ritroverete di nuovo al punto di partenza. Quest’idea apparentemente limitante si dimostra invece ottima, considerando che gli stage altro non sono che “arene” in cui affrontare i numerosi nemici che appaiono rapidamente a schermo.

Eliminato il fattore esplorativo dall’equazione, bisogna focalizzarsi sul combattimento. Su questo versante gli sviluppatori hanno svolto un lavoro ottimo, inserendo meccaniche semplici ma molto precise. I primi due livelli rappresentano dei tutorial in cui si prende confidenza con i vari attacchi di cui dispone la nostra astronave: abbiamo un colpo circolare attorno alla navicella, utilissimo per sbarazzarsi di chi si è avvicinato troppo, un potente raggio frontale e una salva di missili a ricerca. Questi tre sistemi prendono energia da una barra che si ricarica raccogliendo i resti dei nemici sconfitti, obbligandoci ad usarli con attenzione e a ripiegare spesso sul classico sparo frontale. Anche questo però ha un limite di utilizzo causato dal surriscaldamento, così che si debba spesso alternare ad altri attacchi per farlo raffreddare.

I pianeti che affronteremo saranno piuttosto simili tra loro in quanto a conformazione, differendo principalmente per i colori. Quello che però li rende diversi è la tipologia dei nemici presenti, con vari elementi che ci obbligano a pensare in fretta e a muoverci ancora più rapidamente. La varietà non è enorme, ma il loro grande numero e il diverso modo di muoversi, rende lo schermo un tripudio di azione velocissima, in cui i tre colpi sopportabili dalla navicella prima del game over sembrano davvero troppo pochi. Quest’affermazione potrà sembrarvi esagerata mentre affrontate il primo o il secondo pianeta, ma già dal terzo (su quattro) avrete da faticare parecchio anche solo per poter completare lo stage. Se vi sembra poco, pensate poi che il completamente di un livello è solo la prima parte della sfida, visto che il gioco nasconde anche un sistema a punteggio basato sulle combo effettuabili eliminando nemici in serie. Essere colpiti significa azzerare il moltiplicatore, così come far passare più di qualche secondo tra un nemico abbattuto e l’altro. Se già la sfida è frenetica di suo, chi vuole ottenere punteggi onorevoli da poter anche caricare online, ne avrà per moltissimo tempo.

Graceful Explosion Machine è un gioco tecnicamente semplice, ma gode di una colorazione e di alcune idee geometriche nelle esplosioni e nella strutturazione degli stage che ricorda alcune opere astratte e pop. In questo caso ne abbiamo una incredibilmente movimentata e frenetica, ma il colpo d’occhio di chi gioca rimane sempre incredibilmente pulito, facilitando l’individuazione della propria navetta anche in mezzo ai tanti elementi presenti. Il design saltuariamente minimale fa onore al gioco e lo trasforma in un’uscita immediatamente riconoscibile. Musiche ed effetti sonori sono in linea con questa idea, accompagnando ottimamente le mille peripezie che dovrete affrontare. Infine, per chi se lo stesso chiedendo, il gioco si dimostra ottimo sia in versione TV, sia utilizzando lo schermo di Switch in versione portatile.

Questo Graceful Explosion Machine è davvero un grande titolo indie. Anche se finora mi sono sperticato in lodi completamente meritate, va detto che la difficoltà può frenare i giocatori meno abili, obbligati a saltellare con maestria da un tasto all’altro per mantenere intatta la propria navicella, senza nemmeno nominare le “acrobazie” da eseguire per iniziare a pensare di mettersi a caccia di combo e punti. Chi però va matto per le sfide e apprezza la possibilità di affrontare livelli la cui durata permette anche partite mordi e fuggi, dovrebbe lasciarsi abbagliare da questo ottimo sparatutto spaziale. Con qualche boss sarebbe stato ancora migliore, ma già così è in grado di ricordarci quante ottime idee di ieri sono ancora oggi in grandissima forma.

Pro

- Giocabile a più livelli

- Tante idee ben sviluppate

- Gameplay di una volta rimodernato

- Livello tecnico notevole e chiaro anche off screen

Contro

- Dopo un po’ di stage diventa davvero tosto

- Inadatto per chi cerca qualcos’altro oltre la pura sfida

Redazione

8,5

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 06/04/2017
  • Sviluppatore / Vertex Pop Inc.
  • Doppiaggio / ---
  • Sottotitoli / Italiano
  • Giocatori offine / 1
  • Giocatori online / Classifiche
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Sparatutto su Nintendo Switch

Pegi 7

Social Net

In evidenza

Gran Turismo Sport - Recensione

3 novembre 2017

Gran Turismo Sport

Ultimi Commenti