Le Fantastiche Avventure di Captain Spirit - Recensione

Un'emozionante giornata di un bambino (quasi) normale?

di / martedì 03 luglio 2018 / Recensione

Il confine che separa i sogni dalla realtà e spesso sottile e dalla difficile demarcazione, soprattutto da ragazzini quando, passo dopo passo, ci si approccia alla quotidianità delle cose per la prima volta senza riuscire mai a comprenderle davvero fino in fondo. D’altronde la fanciullezza è da vivere con leggerezza e spensieratezza, si sogna di impersonare il proprio super eroe del cartone o film preferito e si affronta ogni situazione con spontaneità e tantissima immaginazione. Proprio su questi temi ruota Le Fantastiche Avventure di Captain Spirit, freschissimo progetto di Dontnod Entertainment utile nell’alzare l’asticella dell’hype per l’attesa degli episodi legati a Life is Strange 2. Una demo? No, siamo davanti ad un vero e proprio prequel caratterizzato da un episodio a sé stante, ambientato nello stesso universo già noto per le avventure di Max e Chloe e che in qualche modo si allaccerà ai prossimi capitoli legati al brand di casa Square Enix.

 

Stati Uniti d'America, cittadina di Beaver Creek; il paesaggio innevato di un modesto paesino noto per i suoi alberi, le dighe ed i numerosi castori fa da perfetta cornice alla nostra breve, ma intensa avventura. Impersonando Chris, un bambino di 10 anni con una fervida immaginazione, scopriremo una quantità smodata di sensazioni ed emozioni legate alla sua tanto delicata quanto verosimile situazione familiare. La mamma di Chris ha perso la vita a causa di un pirata della strada ed ha lasciato, nel complicato ruolo di genitore, un padre che sente un fardello troppo pesante sulle proprie spalle e che come nella maggior parte dei casi della vita reale si rifugia nell’alcool, ormai vera e propria dipendenza dalla quale è difficile staccarsi. La vita però deve in qualche modo andare avanti ed il rapporto padre-figlio cerca di consolidarsi nonostante le numerose difficoltà, causate anche da vecchie ferite del padre legate al glorioso passato da atleta mai davvero chiuse e capaci di riaffiorare nella mente del genitore come un fulmine a ciel sereno peggiorandone l’instabilità emotiva.  Chris è comunque un bambino decisamente sveglio e cosciente più del dovuto sulla sua difficile situazione, ma fortunatamente riesce a distrarsi grazie alla sua immaginazione e la trasformazione nel valoroso Captain Spirt spostando l’attenzione sul salvataggio della Terra dalle più disparate e fantasiose minacce.

Tutto ciò si evidenzia nel tramutare, grazie appunto alla sua fervida immaginazione, anche la più semplice faccenda domestica in una sensazionale avventura degna del più coraggioso dei super eroi. Cominciando proprio dalla creazione e personalizzazione del nostro costume, ci ritroveremo a girovagare liberamente per l’abitazione ed annesso giardino, sconfiggendo la caldaia malvagia come se fosse una mini boss-fight o sfruttando l’immondizia accumulata da buttare nell’apposito cassonetto per un’intensa sessione di allenamento per affinare le capacità di Captain Spirit; potremo addirittura prodigarci in una curiosa caccia al tesoro. Le situazioni analoghe da poter affrontare prima di raggiungere i titoli di coda non sono tantissime, ma risultano assolutamente ben variegate e piacevoli a conferma di quanto detto in prefazione, ovvero di affrontare un’avventura breve (completabile in circa due orette scovando ogni segreto), ma toccante e con diversi momenti dall’elevato coinvolgimento emotivo. Ovviamente non siamo obbligati a compiere tutte le mansioni per raggiungere l’intensa scena finale, ma visto la qualità e la piacevolezza delle stesse, il consiglio è di dedicare quelle manciate di minuti in più utili ai fini della scoperta più naturale e legata alla semplice curiosità possibile.

Proprio legata all’esplorazione e alle numerose interazioni il team di Dontnod Entertainment riesce a centrare l’obiettivo; in Le Fantastiche Avventure di Captain Spirit la linea di demarcazione che separa sogno e realtà risulta sempre più sottile e non si può non avere la sensazione di ritornare innocenti e creativi pargoli proprio come il nostro piccolo protagonista. La maggior parte delle interazioni poi potrà essere effettuata in modo del tutto consono e naturale oppure lasciar spazio all’intervento di Captain Spirit; ammettiamo che nonostante la duplice possibilità risulta più che ovvio strizzare l’occhio sempre alla seconda tipologia ed aumentare il feeling con il nostro giovane protagonista sarà una prassi sempre condivisa e più che naturale indipendentemente dal caso. Tecnicamente il titolo risulta soddisfacente grazie a scorci veramente interessanti, al netto di qualche primo piano facciale solo discreto, ed una resa generale in linea con le aspettative. Ottima invece già da ora la breve colonna sonora sinonimo di un lavoro certosino che regala brevi momenti di relax ed accompagna con armonia tutto l’arco della breve, ma intensa avventura.

Paragonare Le Fantastiche Avventure di Captain Spirit ad un semplice antipasto di ciò che ci aspetterà in Life Is Strange 2 è decisamente troppo riduttivo. Nonostante la sua brevità, il titolo riesce a coinvolgere ed emozionare grazie ad una costruita e progressiva prospettiva di un rapporto familiare in crescendo con le considerazioni positive e negative del caso. Peccato per l’interruzione finale decisamente brusca che lascia davvero troppi punti interrogativi sulla continuazione degli eventi, ma non possiamo non ritenerci soddisfatti del risultato finale, soprattutto considerando la natura free del progetto. I ricordi e le sensazioni di quando ero un pargolo continuano a riaffiorarmi anche dopo aver completato il gioco, segno di un curato lavoro degli sviluppatori nel delicato compito di trasmettere queste sensazioni pad alla mano;  c’è una grande avventura dietro ogni piccolo gesto quotidiano e Chris ce lo ha ricordato in continuazione, perché tutti da bambini siamo stati almeno una volta Captain Spirit.

Pro

- Sapiente armonizzazione tra situazioni più leggere e momenti dal forte impatto emotivo

- Coinvolgente dall'inizio alla fine

- Piacevolissima colonna sonora 

- Diverse possibilità di interazioni che favoriscono un'esplorazione genuina

- Completamente gratuito

Contro

- Finisce proprio nel momento clou 

- Qualche incertezza grafica sui primi piani

- Completarlo al 100% non richiederà più di due orette

Redazione

8,3

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 26/06/2018
  • Sviluppatore / Dontnod Entertainment
  • Produttore / Square Enix
  • Doppiaggio / inglese
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1

Avventura grafica su Xbox One, PlayStation 4, PC

Pegi 16

Social Net

In evidenza

Forza Horizon 4 - Recensione

24 ottobre 2018

Forza Horizon 4

Ultimi Commenti