RPG Maker Fes - Recensione

Ricco di funzioni ma non per tutti

di Andrea Piaggio / giovedì 13 luglio 2017 / Recensione

L’idea di poter creare il proprio videogioco ha sempre affascinato chi ama questo mondo. Se un tempo si disegnava sulla carta il proprio progetto, magari sognando un sequel che non sarebbe mai arrivato, oggi esistono molti programmi e giochi che fanno dell’editor il proprio vero epicentro. Basta pensare al fenomenale Super Mario Maker per capire quanti “sviluppatori in erba” ci sono là fuori, magari privi di nozioni di programmazione, ma pieni di idee che aspettano solo di uscire. Con questa idea in testa arriva su Nintendo 3DS RPG Maker Fes, l’ultimo esponente di una serie di editor che si propongono di farci creare con semplicità il gioco di ruolo che abbiamo sempre avuto nella nostra mente.

Chi acquisterà il gioco senza aver raccolto in giro un po’ di informazioni si accorgerà prestissimo della grande differenza che intercorre tra il vendutissimo Super Mario Maker e questo RPG Maker Fes. Non è questione di brand o di genere come si potrebbe pensare, ma piuttosto di approccio verso l’utente. Dichiarare che con questo editor tutti possono creare il loro RPG è potenzialmente corretto, ma riscontare la totale assenza di un tutorial che ci spieghi passo passo come farlo, taglia fuori senza tanti complimenti la fetta di pubblico meno paziente e più numerosa. All’avvio infatti ci si troverà davanti un menu in italiano che però, una volta scelta l’opzione Crea nuovo, ci catapulta su una piccola mappa preimpostata in cui potremo iniziare ad inserire elementi, scegliere la conformazione del terreno, inserire castelli o vulcani, ma senza spiegarci come farlo e come prendere confidenza con i meccanismi che li caratterizzano. Osservando bene lo schermo inferiore si scoprirà che con il tasto X (o toccando l’icona che lo rappresenta) si possono selezionare i vari elementi da inserire, scegliendo tra mari, terre, villaggi, insenature e un sacco di elementi derivanti dai mai dimenticati RPG a 16-bit, ma sarà anche evidente che sarete voi a dover “scoprire” le sue funzionalità. Ciò potrebbe richiedere parecchio tempo e non è da escludere la necessità di cercare online qualche guida che possa facilitarvi il compito.

La scelta dell’ambiente in cui muoversi è comunque solo l’inizio della vostra creazione, con cittadine in cui entrare che dovranno essere create secondo vostro gusto e in base a quello che volete inserire al loro interno. Qui infatti faranno spesso la loro comparsa i PNG, ai quali potrete dare la parola e a cui potrete dare un ruolo all’interno della vicenda. Tutte queste operazioni che vanno oltre l’inserimento di un albero o di una roccia, richiedono una serie di scelte che, nuovamente, potrebbero creare difficoltà ai meno esperti. Il gioco non ci chiederà mai di inserire righe di codice, ma anche dover entrare ed uscire da menu a ripetizione a causa di una mancata chiarezza risolvibile solo tramite tentativi, può rendere frustrante la creazione della propria avventura. Chi vuole tuffarsi in questa missione deve infatti capire che prima di poter giocare la sua creazione (opzione utile anche per testare quello che si è creato, scegliendo parametri adatti al superamento delle fasi pensate) saranno necessarie diverse ore di “programmazione”, specie le prime volte che si approcciano e si incontrano queste funzioni.

Tutta la fatica fatta durante la la fase creativa necessita della possibilità di condividere le proprie opere con il mondo e, grazie ad una connessione internet, questa pratica sarà rapidamente possibile. Nelle opzioni online del titolo potrete quindi taggare le vostre avventure, potrete descriverle e potrete anche essere votati dagli altri giocatori che potranno giocare e apprezzare (o meno…) i vostri sforzi. Ovviamente la condivisione dei contenuti viaggia su una strada a due sensi, dando anche a voi la possibilità di scaricare gratuitamente quello che è stato creato da altri. Le creazioni che si trovano in rete sono già numerose, comprese alcune divertenti “demo” in lingua italiana. Le ho definite “demo” poiché sono attualmente molto corte, ma sapranno strapparvi più di una risata grazie ad un ottimo uso delle espressioni e da dialoghi ironici e divertenti. Purtroppo il limite della condivisione sta nell’impossibilità di giocare anche ai giochi creati su PC o su altre piattaforme, relegando ogni avventura sviluppata  con questa versione ai soli 3DS.

Se solo RPG Maker Fes avesse avuto un vero tutorial e avesse permesso l’inserimento di elementi in modo più analogico (trascinamento, menu facilmente consultabili, etc), ora staremmo parlando di un editor riuscitissimo. Così com’è abbiamo invece un titolo dedicato esclusivamente ai più esperti e pazienti, oltre che a chi ha già una mentalità tale da poter programmare eventi e situazioni usando le tante possibilità che il gioco propone. Un monito va poi a chi pensa di prenderlo in considerazione per giocare i contenuti degli utenti: il nostro consiglio è di aspettare dovrebbe aspettare ancora un po’ per vedere come si evolvono le cose, visto che le creazioni attualmente disponibili non sono moltissime e soprattutto sono parecchio brevi. Occorre quindi un po’ di tempo extra per capire se i creatori vorranno portare avanti il loro lavoro su questa versione o se preferiranno dirottare su altre piattaforme.

Pro

- Editor molto ricco e flessibile

- Poter giocare le avventure degli altri è uno spasso

- Ambientazioni non solo fantasy, ma anche moderne e del Giappone Feudale

Contro

- La mancanza di un qualsiasi tutorial frenerà molti

- Molti menu richiedono prove ed errori per essere capiti

- Condivisione dei propri progetti solo su 3DS

- Alcuni contenuti extra a pagamento

Redazione

6,5

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

RPG su Nintendo 3DS

Social Net

In evidenza

Gran Turismo Sport - Recensione

3 novembre 2017

Gran Turismo Sport

Ultimi Commenti