The Legend of Zelda: Breath of the Wild, il primo DLC - Recensione

Un buon motivo per tornare ad Hyrule!

di Oscar Diliddo / martedì 11 luglio 2017 / Recensione

Inutile ripetere quanto The Legend of Zelda Breath of the Wild sia incredibile. Talmente incredibile che, almeno nel mio caso, il vuoto videoludico che mi ha lasciato una volta concluso è stato notevole e difficilmente ripetibile, trovandomi a vagare per casa setacciando le mensole dei videogiochi sperando di trovare qualche titolo che mi potesse distrarre. Senza particolare successo... e almeno per diverse settimane.
Un’esperienza così fantastica, in un gioco così pericolosamente vicino alla perfezione non poteva non essere spremuta, supportata adeguatamente e resa più duratura possibile, tanto è che Nintendo aveva annunciato i piani per rilasciare DLC già da prima che il gioco fosse disponibile nei negozi.
Al lancio del titolo è stato dunque reso disponibile anche un DLC Season Pass (da cica 20 euro) per avere accesso a quelli che sarebbero stati i contenuti aggiuntivi del gioco rilasciati nel corso dell’anno. Ebbene, dopo tre mesi dal rilascio di Breath of the Wild è arrivata la prima parte (su due) di questo pacchetto.

Questa prima esperienza DLC per Zelda è stata accolta in maniere contrastanti. Chi si scagliava contro Nintendo per aver ceduto alla piaga dei DownLoadable Content (specie dei Season Pass) che flagella oramai da tempo il mondo dei videogame e chi, invece, incuriosito e fiducioso ha acquistato il pacchetto senza pensarci due volte (eccomi, presente!).
Una volta appurata la qualità stessa del gioco è stato piacevole accettare il fatto che, grazie al DLC, si sarebbe potuti tornare a giocare e vagare per Hyrule con nuove cose da fare. Ben venga, dunque!

Cosa contiene questo primo DLC?
Al contrario del secondo contenuto di espansione, previsto per questo inverno, che conterrà una storia inedita, un nuovo dungeon ed altre aggiunte, questo primo DLC è meno corposo e più “tecnico”.
Diverse side-quest esplorative atte a fornire nuovi strumenti e nuovi pezzi di armatura e vestiario (che rendono omaggio ad altri capitoli della serie), una quest, che possiamo anche definire quella “principale”, improntata sulle skill combattive, una nuova funzione della mappa ed una modalità “estrema” detta, come da tradizione, Modalità Master

Quest Esplorative
Le missioni di questo tipo sono piacevoli e danno l’opportunità di ritornare a visitare diversi luoghi di Hyrule per farci ottenere, oltre ai completi ed accessori che rendono omaggio a vecchi giochi della saga, un paio di strumenti particolarmente utili: l’Amuleto del Teletrasporto, che consente di impostare un punto di teletrasporto e usarlo a proprio piacimento e la Maschera Korogu, utilissima nel caso ci si metta alla ricerca di tutti i 900 Korogu sparsi per tutta la mappa.


La Prova della Spada
È in pratica la missione principale del DLC stesso e permetterà di liberare il vero potenziale della Spada Suprema, proponendo tre diverse prove dalla difficoltà crescente. Una stanza dopo l’altra dovrete affrontare tutte le minacce ed eliminare tutti i nemici. Privati di ogni arma ed armatura in possesso.
Le prime due parti sono affrontabili senza troppe seccature, la parte finale farà invece spazientire i giocatori meno avvezzi e meno inclini a mettersi alla prova in stress test senza possibilità di salvare o avere un minimo punto di ripristino. Io stesso, dopo le (credo 20) prove della fase finale, arrivato all’ultima, ho ceduto a qualche imprecazione di troppo al fatidico Game Over. Sia chiaro, non è impossibile come capita con altri giochi, ma serve impegno e organizzazione, nonché buone dosi di abilità e pazienza. Prima o poi ce la farò!
Senza spoiler di sorta consiglio di affrontare sia le missioni esplorative, sia quelle della spada, con attiva la funzione di ricerca impostata sugli scrigni, in quanto nelle missioni di ricerca diversi scrigni saranno “sotterrati” e difficilmente individuabili e, nella prova di forza, gli scrigni nascosti forniscono utilissimi strumenti per la sopravvivenza.

Nuove Funzioni
La nuova funzione della mappa permette, con la sola pressione di un tasto, di visionare tutto il cammino e tutte le zone visitate nelle precedenti 200 ore di gioco. Altro elemento utile a scoprire nuove zone inesplorate e trovare Kogoru, strumenti, rupie, segreti e via dicendo.

Modalità Master
La Modalità Master prevede nemici più forti, più intelligenti, con capacità rigenerative e fornisce al giocatore solo due slot di salvataggio. 

Per chi soffre questo tipo di trovate e vuole godersi l’avventura in santa pace conviene starne alla larga, per tutti gli altri intrepidi potrebbe invece dare un bel tasso di sfida in più e un’ulteriore stimolo a rigiocare interamente il titolo.

Lo prendo o no?
Questo primo pacchetto di DLC probabilmente non giustifica un esborso di 19,99 €, visto che, di fatto, non aggiunge nulla di concreto al gioco e, salvo ripetere l’intera avventura in Modalità Master, non aggiunge un quantitativo di ore di gioco significativo.
Rimane comunque un ottimo modo di rimettere piede ad Hyrule e scoprire, magari, aspetti e sfumature del gioco sfuggite nel corso dell’avventura principale, ad esempio su come sconfiggere e come affrontare i diversi nemici, visto che la Prova della Spada richiederà anche di scevellarsi e ponderare bene diverse soluzioni combattive per risparmiare energia e non consumare armi e strumenti.
Se invece il gioco vi ha già detto tutto e non avete motivi di tornare a giocare “solo” per qualche strumento in più e non volete fare un atto di fede comprando fin da ora il Pass (i DLC per ora non sono acquistabili separatamente), potrebbe essere il caso di aspettare la seconda parte del Season Pass, nel quale sarà possibile affrontare una storia inedita riguardanti i Campioni di Hyrule e che si prospetta decisamente più succoso ed interessante.

Per ora quindi mi limito a consigliarlo a chi ha davvero voglia di continuare a giocare a Breath of the Wild e non vuole abbandonarlo fino a questo inverno, ma vi ricordo che il voto qui sotto si riferisce unicamente a questa prima espansione. Se le cose andranno come speriamo con il secondo DLC, il voto per questo Season Pass non potrà che salire.

Pro

- Si torna a visitare Hyrule. 

- Le missioni proposte sono piacevoli da affrontare.

Contro

- La Prova della Spada potrebbe far perdere la pazienza

- Non essendo acquistabile separatamente bisogna sborsare l'intero costo del Season Pass per giocarci!

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 03/03/2017
  • Sviluppatore / Nintendo
  • Produttore / Nintendo
  • Doppiaggio / Italiano
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Avventura, Azione, Open world su Nintendo Switch, Wii U

Pegi 12

Acquista

Social Net

In evidenza

Splatoon 2 - Recensione

21 luglio 2017

Splatoon 2

Ultimi Commenti