Warhammer: Vermintide 2 - Recensione

L'impero ha di nuovo bisogno di noi!

di / mercoledì 05 settembre 2018 / Recensione

Dopo l’approdo su PC tramite Steam, Warhammer: Vermintide 2  è stato lanciato a fine luglio per le console di casa Microsoft in tutta la sua potenza, pronto per regalare tantissime ore di divertimento agli appassionati e non. Il team di Fatshark mi aveva già incuriosito ed in larga parte convinto durante la prova in anteprima a Milano, grazie ad un gameplay ben strutturato e divertente che non vedevo l’ora di approfondire con la versione definitiva. Dopo aver spulciato per bene la versione Xbox One del titolo, sono pronto a raccontarvi i miei pareri; siamo davanti ad un nuovo capitolo in linea con la qualità della serie, o un misero buco nell’acqua?

Warhammer: Vermintide 2 riprende esattamente dallo stesso mondo cupo e sull’orlo del baratro del capostipite, con la razza umana ormai ad un passo dall’estinzione e solo i nostri cinque indomabili eroi a frapporsi tra il nemico e la fine dell’Impero. Questa volta, oltre alle orde di Skaven, dovremo vedercela con il nuovo e pericoloso Esercito del Caos, pronto a macchiarsi le mani di sangue umano per raggiungere i più nefasti scopi come alleati degli odiati roditori. Pad alla mano il prologo del gioco ci getta subito nel vivo dell’azione; finiti prigionieri proprio delle nostre mostruose nemesi, dovremo trovare in fretta e furia un modo per fuggire ricongiungendoci con i nostri fidati compagni, per poi in un secondo momento organizzare con calma il contrattacco. La narrazione che da questo momento si dipana non riesce ad essere così soddisfacente, nonostante le potenzialità, e funge (in modo comunque convincente) da sottile congiunzione tra un atto e l’altro della campagna, volto quasi a giustificare ogni azione con il minimo e indispensabile quantitativo di informazioni. Ben venga comunque il risultato finale, ma avrei preferito qualche sforzo in più per introdurre alle tematiche in questione.

Dopo il prologo, saremo trasportati in un accampamento tra le montagne che fungerà da vero e proprio HUB; qui tra un atto e l’altro potremo riscuotere le ricompense, analizzare le varie sfide disponibili, modificare e controllare comodamente il nostro equipaggiamento, nonché invitare amici e scegliere con quale missione proseguire. Lo stile di questo spazio risulta discreto e minimale con poche interazioni, ma tra una cosa e l’altro ci si passerà diverso tempo soprattutto in compagnia di amici alla ricerca dei migliori oggetti da sfoggiare. Il gameplay, invece, è un vero e proprio tributo alle meccaniche di Left 4 Dead, visto che ogni atto consisterà nel sopravvivere al percorso prestabilito eliminando orde e orde di nemici in compagnia di altri tre giocatori, ovviamente il tutto in salsa decisamente più fantasy e con l’arma bianca utilizzata nella stragrande maggioranza dei casi. La trasposizione è riuscita? Assolutamente si, ed anche in modo migliore rispetto al predecessore, visto che parliamo di un titolo decisamente piacevole e divertente da giocare soprattutto in compagnia di amici, al netto di un IA per i bot non sempre convincente.

In Warhammer: Vermintide 2 potremmo scegliere tra 5 classi per le nostre scorribande, ciascuna suddivisa in tre sottocategorie da poter sbloccare progredendo con il proprio livello: queste sono tutte ben caratterizzate, con un buon numero di abilità, armi ed oggetti estetici tra i più disparati e tipici da combinare per rendere il nostro guerriero una vera e propria macchina da guerra; dal piccolo e violento nano, passando per il classico guerriero  ed il silenzioso elfo, senza dimenticare il mago ed un più ibrido cacciatore di streghe. Ognuno con le proprie forze e debolezze da apprendere e sfruttare partita dopo partita. Da premiare poi la varietà dei nemici che conta tra le proprie fila anche alcune unità élite che vanno a variare a seconda dell’approccio del giocatore ogni match: alcuni cercheranno di allontanarci dai nostri compagni catturandoci e scappando via, altri sbucheranno all’improvviso in modo rapido per ferire il giocatore, e altri ancora saranno rappresentati da energumeni decisamente impegnativi anche quando si affrontano in squadra. Le vere e proprie boss fight saranno solo 4 invece, una per ogni atto, e non brillano molto per varietà rispetto ai classici (e comunque apprezzati) scontri. Tra armi, equipaggiamenti ed oggetti da sbloccare di ogni sorta, divisi per grado di rarità, non possiamo non apprezzare il numero di motivi utili a tenere incollato allo schermo il videogiocatore, soprattutto alle difficoltà più alte, dove coordinarsi e mantenere i nervi saldi in ogni situazione sarà la parola d’ordine per evitare di leggere continuamente la scritta “Game Over” sollo schermo della propria tv.

Tecnicamente ci troviamo davanti ad un validissimo prodotto che riesce a soddisfare le nostre aspettative nella maggior parte dei casi; ottimi scorci e dettagli per personaggi principali e mostri, anche se nei luoghi più chiusi avremmo preferito qualche ulteriore dettaglio. I giochi di luce sorprendono, così come la colonna sonora e le registrazioni scelte per il campionamento dei suoni, che vanno ad esempio ad accentuare la fisicità degli scontri, con fendenti differenziati a seconda dell’arma impugnata ed amputazioni di ogni sorta del malcapitato di turno. Peccato solo per qualche singhiozzo qua e là, legato principalmente ad alcuni bug presenti nei passaggi più stretti e chiusi da attraversare, così come i bot alleati veramente poco reattivi, soprattutto alle maggiori difficoltà. Warhammer: Vermintide 2  è un titolo che è riuscito in larga parte a convincerci grazie ad un gameplay solido e divertente a patto di essere giocato con amici per la maggior parte del tempo. I ragazzi di Fatshark sono riusciti nell’arduo compito di realizzare un buon prodotto - che tra l'altro è venduto a prezzo budget - che riesce a richiamare con orgoglio le lunghe sessioni in compagnia che alcuni giocatori più navigati avranno affrontato nel videogame a tema zombie di Valve. Al netto di alcuni difetti ed eventuali limature, ci troviamo quindi davanti all’ennesimo valido titolo legato al mondo di Warhammer.

Pro

- Divertentissimo in compagnia

- Sonoro convincente

- Ambientazioni curate

- Sistema di progressione e personalizzazione curato

Contro

-L'IA dei bot non convince appieno

- Boss Fight poco varie

Redazione

8,3

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

Action RPG su Xbox One, PC, PlayStation 4

Pegi 18

Social Net

In evidenza

Yakuza Kiwami 2 - Recensione

7 settembre 2018

Yakuza Kiwami 2

Ultimi Commenti