Le uscite di maggio 2019 - Speciale

Tutto in 10 giorni!

di Andrea Piaggio / mercoledì 08 maggio 2019 / Speciale

Solitamente pubblichiamo questa rubrica i primissimi giorni del mese, ma per questo maggio 2019 abbiamo deciso di dare spazio ad altri articoli perché, beh, i giochi sarebbero iniziati ad arrivare solo da metà mese! Pur non mancando alcune uscite più piccole, sarà solo dal 14 maggio che i giochi arriveranno e quindi ecco che, in un certo senso potremmo (quasi) considerarci in orario per segnalarvi le uscite più interessanti dei prossimi 31 23 giorni!

 

14 maggio

A Plague Tale: Innocence

Il team di Asobo Studio ci racconterà una storia impegnativa e potente attraverso i personaggi di Amicia (la giovane che muoveremo) e di suo fratello Hugo, entrambi in fuga per motivi da chiarire mentre in Europa imperversa la peste nera. Inseguiti dall’Inquisizione e in costante pericolo da minacce umane e da terribili orde di ratti famelici, potremo gettare uno sguardo approfondito su questo cupo periodo storico e su quello che voleva significare vivere (e morire) in quel'epoca. Anche se il gioco ci mette nei panni di una giovane ragazzina che viaggia con il suo fratellino, il simpolo del PEGI 18+ ci ricorda che i temi trattati non saranno per tutti, richiedendo una sensibilità anche emotiva molto forte. Proprio su questo tipo di emozioni sembra vertere la vicenda e il suo sviluppo, anche se si sono già viste alcune fasi di gameplay in cui si utilizzano manovre stealth, il fuoco delle torce per farsi strada tra i ratti e si escogitano strattagemmi per liberarsi di alcuni pericolosi inseguitori. Non certo un action game insomma, ma una storia che, se avrà una buon svolgimento e possibilmente bivi e finali multipli, potrebbe davvero coinvolgere e sorpredere.

RAGE 2

Agli antipodi rispetto al titolo qui sopra, il nuovo lavoro di Bethesda, sviluppato da Avalanche Studios (gli stessi di Just Cause) e id Software (quelli che hanno creato DOOM) punterà tutto sull’azione con un FPS veloce, frenetico e folle, impiantato in un open world su un pianeta Terra andato a scatafascio per via di un meteorite. A differenza del primo capitolo che voleva prendersi maggiormente sul serio, questo ha proposto da subito uno stile più scanzonato e fracassone, mantenendo comunque dinamiche specifiche e una crescita del personaggio che si sviluppa anche attraverso modifiche e poteri che, uniti alle tante armi presenti, permettono di creare un caos esagerato. Non mancheranno nemmeno battaglie esplosive su veicoli, così come aree maggiormente istanziate che sapranno riportare alla mente livelli più classici, in cui combatteremo contro diverse fazioni con rispettivi ed esclusivi nemici ed unità. Una mappa ampia e piena di cose da fare in puro stile Just Cause, insieme alla gestione degli scontri di DOOM prevedono anche armi che giocano con la fisica e i superpoteri, lo rendono il titolo più atteso dal sottoscritto in questo mese, nonché uno dei più interessanti FPS dell’anno.

Sniper Elite V2: Remastered

La moda delle remastered arriva anche per il cecchino Karl Fishbourne e per la Seconda Guerra Mondiale, da combattere attraverso la lente del suo fucile.  A differenza del terzo e quarto capitolo che aprirono le ambientazioni e i livelli a mappe aperte e liberamente esplorabili, questo secondo capitolo di Sniper Elite è ancora legato ad una progressione più lineare, seppur non manchino tattiche e strategie da tenere in considerazione. La fisica dei colpi basata su diversi livelli di difficoltà, separata dall’abilità dell’IA nemica, ha sempre convinto e farà sicuramente la sua figura anche in questa versione rimasterizzata e migliorata attraverso texture ed effetti più adatti agli hardware attuali (l’originale uscì nel 2009 durante la scorsa generazione di console). Inoltre, come accade in queste occasioni, questa versione avrà tutti i DLC precedentemente rilasciati a pagamento, comprese alcune missioni e componenti che possano arricchire ulteriormente un comparto multigiocatore non fondamentale, ma comunque piacevole. Il prezzo budget di circa 35 euro potrebbe essere un ulteriore incentivo, anche se per chi ha già giocato l’uscita originale, potrebbe non essere poi così fondamentale.

 

21 maggio

Sonic Team Racing

Dopo le numerose uscite di metà mese, una settimana dopo si affaccia sul mercato Sonic Team Racing, nuovo esponente dei kart game che si butta nella mischia tra sua maestà Mario Kart 8 Deluxe (che però è esclusiva Nintendo e comincia ad avere qualche anno di troppo sulle spalle) e il remake del quasi omonimo Crash Team Racing che riporterà a giugno il vecchio Crash Bandicoot su console. Prendendosi un po’ di vantaggio su questo agguerrito rivale (il gioco originale fu molto amato da chi all’epoca possedeva solo la prima PlayStation), Sonic Team Racing si concentra sul lavoro di squadra, proponendo dodici partecipanti ad ogni gara, appartenenti a tre diverse squadre. Guidare bene, aiutare i compagni e condividere i power-up sono tutte azioni fondamentali che possono portare alla vittoria anche se non si è nelle prime posizioni. Al contrario dei due precedenti capitoli i piloti saranno tutti appartenenti al mondo di Sonic, così come i mezzi da guidare saranno unicamente auto escludendo aerei o barche. Tra i 21 percorsi a disposizione troveremo anche vecchie glorie del passato, mentre per le auto potremo ottenere modifiche alle prestazioni cambiando la parte anteriore e posteriore del veicolo, oltre alle ruote, modificando così le prestazioni e il loro comportamento in pista. Modalità in singolo e online saranno ovviamente disponibili, così come uno split screen che permetterà di divertirsi sul divano con i propri amici.

 

23 maggio

Total War: Three Kigdoms

In questi concentratissimi giorni di maggio non manca nemmeno uno strategico, e non uno strategico qualsiasi, bensì l’attesissimo Total War: Three Kingdom. Più volte rimandato per perfezionare al massimo ogni dettaglio, il lavoro di Creative Assembly è finalmente pronto al lancio e si preannuncia come il Total War “storico” più ricco di sempre. Basato sul periodo intorno all 190 d.C., il gioco propone dodici generali tra cui scegliere per poter tentare di unificare i Tre regni sotto il proprio comando. Abilità strategiche e diplomatiche nelle fasi a turni lasceranno il campo a vere e proprie battaglie campali giocate in tempo reale, con unità e aree di scontro che potranno davvero fare la differenza. Alcune innovative dinamiche tra i dodici aspiranti imperatori, la bellezza delle terre in cui si svolgerà la vostra interpretazione dei fatti storici avvenuti nella Cina del periodo e la tipica filosofia orientale da cui nasce una certa “arte della guerra”, completeranno un opera a lungo attesa dagli appassionati e che molto difficilmente sbaglierà il colpo. Aspiranti imperatori, preparatevi.

Si conclude così questo mese molto condensato che, tra frenetici sparatutto in prima persona, scontri tattici e storie dense di suspence, può offrirci grandi emozioni, in attesa di quel giugno che dall’11 fino al 14 ci proporrà l’immancabile E3 2019. Di quello però ne parleremo con calma più avanti, intanto c’è molto da giocare!

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Acquista

Social Net

In evidenza

Trials Rising - Recensione

6 marzo 2019

Trials Rising

Ultimi Commenti