Scott Pilgrim Takes Off – Recensione

,

Sono passati 13 anni da quando Scott Pilgrim ha calcato la scena, fosse essa videoludica, cinematografica o cartacea. 13 anni son tanti per qualsiasi tipo di media, tanto che sorge spontanea una domanda tanto giusta quanto rischiosa. Come si fa a riproporre una trama del genere a distanza di così tanto tempo? La risposta non è così scontata come sembra, ma Bryan Lee O’Malley ed Edgar Wright sembrano aver trovato la risposta. Semplice, si cambia il media! Scott Pilgrim Takes Off è la nuova serie animata targata Netflix che si impegna a raccontare per un’altra volta la storia del tanto amato antieroe di Toronto.

Di Scott Pilgrim ne abbiamo già parlato tanto. Pare un po’ strano ritracciare gli stessi passi ancora e ancora. Ma è davvero così? Scott Pilgrim Takes Off si riduce davvero ad un semplice retelling della storia originale? Non saremo noi a dirvelo. Sappiate che a questa serie piace giocare con le rotture della quarta parete e a sovvertire tutte le aspettative di chi guarda.

Takes Off
Si inizia con le immagini iconiche già dalla sigla!

La storia segue ancora una volta le vicende di Scott, ventitreenne canadese senza una direzione chiara nella vita. Prima dell’inizio della storia, Scott ha iniziato a frequentarsi con una liceale di 17 anni di nome Knives Chau. Caso vuole che a un tratto lui si innamori di Ramona Flowers, una ragazza di New York da poco trasferitasi in città. Creandosi il tipico triangolo amoroso, la storia di Scott Pilgrim mette Ramona al centro di tutto con i suoi 7 ex malvagi da sconfiggere prima di poterla frequentare.

Scott Pilgrim
Tutto iniziò lì, durante quella festa a casa di Julie Powers…

Ripartendo per gradi dalle prime battute della storia, questa serie animata di Scott Pilgrim prende il tutto più lentamente. Di conseguenza, i contorni della storia vengono raccontati in maniera più realistica. Questo rallentamento risulta un po’ strano per chi è abituato ai ritmi veloci delle vicende originali, ma è perfetto per questa serie, ve lo assicuriamo.
Ad un cambio di ritmo corrisponde anche più respiro per tutti i personaggi, nessuno escluso. Capiterà spesso di essere a tratti alienati dai comportamenti inediti di alcuni dei personaggi della storia, proprio perché non sono più macchiette. 8 episodi sono tanti, perciò nessuno ha ragione di rincorrersi come si faceva in passato.

Scott
I personaggi secondari interagiranno tra loro in maniere completamente inedite.

Scott Pilgrim Takes Off è narrativamente incentrato sulle emozioni di personaggi e spettatori, mettendo talvolta la storia in secondo piano. A tratti sembra prendere parzialmente per scontati alcuni elementi della trama, facendo l’occhiolino a chi ha guardato il film o ha letto il fumetto. E ancora, a tratti, sembra sovrascrivere diversi archetipi a cui appartengono alcuni personaggi per offrire più margine di crescita a tutti. Rispetto a “vs the World”, questa serie animata risulta più profonda e metodica che mai. La sua narrativa si intreccia perfettamente se chi la guarda ha già vissuto sulla propria pelle i 13 anni di distanza dal prodotto originale.

Pilgrim
Non mancano i combattimenti.

A comprovare questo senso di nostalgia generale subentrano i nomi di coloro che hanno reso la prima iterazione cinematografica di Scott una realtà. Dal regista, Edgar Wright, già responsabile per il film del 2010, fino agli attori e doppiatori sia in lingua inglese che italiana, che donano ancora una volta le loro voci e le loro performance ai personaggi della storia. Il cast conta grossi nomi come Michael Cera (Gabriele Patriarca) e Kieran Culkin (Simone Crisari), ma anche nomi da colossal come Chris Evans (Alessandro Budroni) e Brie Larson (Perla Liberatori). Insomma, si parla di un cast vario e pieno di sorprese, proprio come il film.

Takes
Questa scena è impressa a fuoco nelle retine degli appassionati.

Scott Pilgrim Takes Off è uno dei prodotti tecnicamente più curati su Netflix, e lo si può notare soprattutto nel suo senso di coesione. Una coesione che per fortuna permane in tutti gli episodi, perfino scegliendo di guardarlo in lingua italiana. Molte battute non possono chiaramente essere adattate in maniera identica a quelle originali, ma nonostante ciò la localizzazione resta eccellente.
Perfino le canzoni dei Sex Bob-Omb sono state adattate in italiano, cosa a dir poco inedita nelle altre versioni della storia. Anche se, va detto, nonostante il buon adattamento si sentono ancora le voci originali in sottofondo durante le canzoni.

Off
Lo stile è davvero molto vicino al fumetto!

Restando nell’ambito del comparto tecnico, la serie è stata animata dallo studio Science Saru, conosciuta già per anime come Devilman Crybaby del 2018 e Ping Pong the Animation. Per quanto riguarda la colonna sonora, Anamanaguchi è tornata al comando. Era già responsabile per la soundtrack del gioco, e la loro influenza si sente ovunque, perfino nella opening della serie. Qualità garantita, dunque.

Scott Pilgrim Takes Off
Ricordate che al primo appuntamento il parka si lascia a casa!

Scott Pilgrim Takes Off è una lettera d’amore per chi è cresciuto con Scott Pilgrim vs the World. Film, fumetto o gioco, non importa come lo si è conosciuto. È una storia più intima, viscerale e appassionata di quanto appare all’esterno, per questo va celebrata e apprezzata in maniera imprescindibile. Trascende i suoi stessi canoni in maniera intelligente, pur rispettando ciò che è sempre stata.
Ci vuole coraggio per riportare ai giorni nostri una serie così iconica e apprezzata, ma pensiamo che ci siano davvero riusciti. Consigliamo questa serie a tutti, sia a chi non conosce Scott Pilgrim, sia a chi è ancora titubante sul se guardarlo o meno. Non vi deluderà affatto.

Pro

– Rispetto assurdo per le versioni originali della storia!
– Animazione curata nel dettaglio
– Character Design molto fedele al fumetto
– Profondo e inaspettato
– I personaggi sono più vivi e reali che mai
– Cast identico agli originali sia in italiano che in inglese

Contro

– Per capirlo appieno è necessario aver vissuto Scott Pilgrim nei suoi anni
– Potrebbe sembrare “la stessa cosa” ad alcuni spettatori

Ultimi articoli

Serve una Fine per un nuovo Inizio

Ciao a tutti, qui Andrea, direttore responsabile di GameSailors.it, sito che nel 2014 è testata giornalistica accreditata e riconosciuta legalmente in tribunale. Oggi, con questo

Read More »

MotoGP 24 – Recensione

Quest’anno il motomondiale di Milestone ha anticipato leggermente la sua uscita per arrivare sui nostri sistemi dopo appena 4 gare sulle 21 in programma. Meno

Read More »

Ultime news

ENDLESS Legend è gratis su Steam

Amplitude Studios annuncia che il suo celebre gioco strategico ENDLESS Legend sarà disponibile gratuitamente su Steam dal 16 al 23 maggio. ENDLESS Legend è un gioco di strategia 4X del 2014

Leggi Tutto »

MotoGP 24 ha una data di uscita

Milestone e MotoGP™ sono felici di annunciare l’uscita di MotoGP 24. Il nuovo capitolo del videogioco ufficiale della MotoGP™ è disponibile su PlayStation®5, PlayStation®4, Xbox

Leggi Tutto »

Questo sito utilizza cookie, anche di proprietà di terze parti, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Continuando la navigazione si considera accettato tale uso. Leggi l’informativa cookie: in essa sono indicate anche le modalità con cui potrai disabilitarli in qualsiasi momento.