X-men: le loro origini – Speciale

,

Gli X-Men, sono fondamentalmente come i Pokémon della Marvel: sono tantissimi, piacciono a moltissimi, e basta davvero poco per perdersi qualche pezzo del loro folklore. Abbiamo pensato quindi di fare un poco di luce su questo gruppo di eroi mutanti, parlando un po’ di come sono nati, in tutti i sensi.

Origini complesse

A livello puramente editoriale gli X-Men nascono nel 1963 per penna di Stan “The Man” Lee e Jack “King” Kirby, da un”idea dello sceneggiatore stanco di doversi inventare sempre un’origine per i suoi personaggi, e decidendo che questi personaggi fossero semplicemente nati con i loro poteri. Il come gli X-Men si siano formati è invece un qualcosa che è stato svelato con fatica e con anni di storie.
Tutto inizia con Charles Xavier, figlio di un fisico nucleare, che scopre di possedere il potere di poter leggere e manipolare le menti di chiunque abbia attorno.
Dopo aver scoperto che queste abilità derivavamo da un misterioso “Gene X”, Charles viaggerà per il mondo alla ricerca di suoi simili, incontrando sulla sua strada anche un uomo chiamato “Magnus”, anch’egli molto legato ai rapporti fra umani “normali” ed umani “Mutanti”.

Prima Classe, ma è un X-Sballo!

Charles aveva un sogno di pacifica convivenza fra i due popoli, mentre Magnus vedeva i mutanti come un “Homo superior”, il prossimo passo verso l’evoluzione, che avrebbe sostituito del tutto l’Homo Sapiens.
Se Xavier credeva di aver trovato un amico, si trovava invece di fronte ad un avversario potentissimo, ma non poteva fermarsi, perché il suo sogno avrebbe sempre avuto la precedenza.
Dopo aver perso l’uso delle gambe però, in uno scontro con un alieno malvagio, Xavier non potrà più combattere in prima persona per il suo sogno, e assemblerà così i suoi X-Men, un piccolo gruppo paramilitare segreto composto… dai suoi studenti.
Ammetto non mi sembri l’idea più sana del mondo tondo.

Usando i suoi poteri telepatici, Xavier recluterà i suoi X-Men trasformando la sua vecchia villa in una scuola “Per giovani dotati”, portando quindi a sé una prima classe di cinque mutanti più o meno emarginati: Scott Summers in grado di lanciare devastanti raggi ottici alias Ciclope, Warren Worthington III dotato di ali alias Angelo, lo scimmiesco Hank McCoy alias Bestia, la telecineta Jean Grey alias Marvel Girl e la testa calda col potere di controllare il ghiaccio Bobby Drake, l’Uomo Ghiaccio.
La prima “gita di classe” di questo manipolo di diciottenni sarà proprio uno scontro con Magnus, il vecchio amico/nemico di Xavier, dotato del potere di controllare lo spettro magnetico con il nome di Magneto.

Nuovo Sangue

Oltre ad una palese tensione romantica fra Ciclope e Marvel Girl, e le difficoltà di sentirsi il più piccolo della cucciolata dell’Uomo ghiacco, super patemi già di casa nella Marvel Comics, i nostri X-Men dovevano anche combattere contro robot giganti, terroristi mutanti, confraternite di supercattivi, e anche contro un giovanotto di nome Calvin Rankin alias il Mimo.
Mutato geneticamente da alcuni esperimenti, il Mimo otterrà una copia permanente dei poteri di tutti i membri del gruppo, e per un po’ si unirà pure alla causa mutante di Xavier, diventando per breve tempo il leader degli uomini X, e il primo membro “esterno” ad unirsi al gruppo.

In seguito, Chales Xavier morirà apparentemente in missione (in realtà il nostro era stato sostituito dal mutante noto come Changeling), lasciando per un po’ gli studenti a doversela cavare da soli (e a cambiare costume), combattendo però sempre numerose minacce, come un Magneto agguerritissimo che aveva costruito una cittadella di mutanti al polo Nord, un setting che darà vita a moltissime storie future degli X-Men

Famiglie unite

Una volta scoperta la finta morte di Xavier, gli X-Men daranno il benvenuto a due nuovi membri, Alex Summers (fratello di Ciclope) alias Havok dotato del potere di assorbire energia e lanciarla sotto forma di plasma e Lorna Dane alias Polaris, figlia di Magneto e dotata quindi del suo stesso controllo sul magnetismo.
Alex e Lorna saranno parte di un simpatico triangolo amoroso con l’Uomo Ghiaccio, e assieme agli altri X-Men affronteranno tutta una serie di nuovi pericoli come mostri alieni ed ipnotisti malvagi.

Fine Prima X-parte

Purtroppo però le vendite della testata non erano buonissime. Sebbene i personaggi fossero simpatici, non avevano catturato il gusto del pubblico, e per un po’ gli X-Men si separeranno per vivere alcune avventure in solitaria o in coppie, fino a quando una missione in un’isola misteriosa nota come Krakoa non porterà del nuovo sangue all’interno del gruppo, ma questa, è una genesi che vi racconteremo la prossima volta! (Ma se volete una bella storia di questi X-Men, ve ne parliamo qui!)

Ultimi articoli

Serve una Fine per un nuovo Inizio

Ciao a tutti, qui Andrea, direttore responsabile di GameSailors.it, sito che nel 2014 è testata giornalistica accreditata e riconosciuta legalmente in tribunale. Oggi, con questo

Read More »

MotoGP 24 – Recensione

Quest’anno il motomondiale di Milestone ha anticipato leggermente la sua uscita per arrivare sui nostri sistemi dopo appena 4 gare sulle 21 in programma. Meno

Read More »

Ultime news

ENDLESS Legend è gratis su Steam

Amplitude Studios annuncia che il suo celebre gioco strategico ENDLESS Legend sarà disponibile gratuitamente su Steam dal 16 al 23 maggio. ENDLESS Legend è un gioco di strategia 4X del 2014

Leggi Tutto »

MotoGP 24 ha una data di uscita

Milestone e MotoGP™ sono felici di annunciare l’uscita di MotoGP 24. Il nuovo capitolo del videogioco ufficiale della MotoGP™ è disponibile su PlayStation®5, PlayStation®4, Xbox

Leggi Tutto »

Questo sito utilizza cookie, anche di proprietà di terze parti, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Continuando la navigazione si considera accettato tale uso. Leggi l’informativa cookie: in essa sono indicate anche le modalità con cui potrai disabilitarli in qualsiasi momento.