Diablo IV - Anteprima

L'inferno sta finalmente tornando

di Andrea Piaggio / sabato 02 novembre 2019 / Anteprima

Ci siamo. Blizzard ha finalmente alzato il velo su Diablo IV alla Blizzcon e che coinvolge giocatori e appassionati ai loro molteplici universi. Insieme ad Overwatch 2, il ritorno del Signore dell’Inferno era sicuramente il più atteso, viste anche le polemiche dello scorso anno che avevano colpito Diablo Eternal, gioco mobile che aveva illuso il pubblico prima di essere criticato per il suo essere un gioco mobile e non il tanto atteso quarto capitolo. Capitolo che però stavolta c’è e di cui è stato mostrato anche un po’ di materiale.

Si chiamerà anche Diablo IV ma il nemico di questa nuova uscita sembra in tutto e per tutto essere Lilith, il demone che, secondo la leggenda, si unì ad un angelo e diede vita al mondo di Sanctuarium, che poi è la terra in cui dovremo darci da fare per eliminare mostri di ogni tipo. La campagna non sarà lineare come in passato e questa è già un'ottima notizia per tutti quelli che avrebbero voluto più libertà decisionale nel terzo capitolo. Il video in CG mostrato per l’occasione è abbastanza inquietante e già solo il fatto che compaia un bel bollino +18 del PEGI, sembra voler indicare la nuova strada presa da questa avventura, meno edulcorata del terzo episodio (che comunque non lesinava sangue e mostri aperti un due come mele) e quindi più realistica, per quanto realistico possa essere un gioco fantasy che ci manda a combattere orde di demoni. Questo aspetto più crudo viene anche evidenziato dal secondo video, in cui si mostrano scene di gioco e ambientazioni ricche di luoghi tutt’altro che accoglienti.

Il mondo che gli artisti di Blizzard stanno creando sarà diviso in cinque macro aree condivise che saranno il deserto ardente del Kehjistan, le foreste infestate da lupi mannari di Scosglen, le inospitali Steppe Aride, le scoscese Vette Frantumate e le paludi di Hawezar. Nei frammenti di gameplay mostrati si possono notare fin da ora una maggiore dinamicità degli scontri, con una mappa su più altezze che richiederà anche di scalare superfici e che offrirà possibilità tattiche rinnovate nei combattimenti, potendo per esempio eseguire delle abilità dall’alto. Non mancherà nemmeno il ciclo giorno notte e il cambiamento climatico. Inoltre, questa mappa che è già stata presentata come la più grande di tutta la serie, viene più volte descritta come un mondo aperto, con livelli ripetibili all’infinito e, cosa su cui aspettiamo nuove informazioni, si parla anche di nuovi livelli armonizzati che, come recita il comunicato stampa rilasciato da Blizzard, “consentono ai giocatori di controllare il proprio destino e specificare il tipo di esperienza che vogliono affrontare”. Ci sarà quindi un alto livello di personalizzazione che sembra andare oltre le classiche difficoltà a cui Diablo 3 ci ha abituato, ma per ora è ancora un concetto un po’ nebuloso che speriamo venga chiarito presto.

Dopo un mondo vasto da esplorare, quello che i giocatori aspettano di scoprire riguarda la classi di personaggi presenti. Qui alla Blizzcon 2019 ne sono state svelate solo tre, ma nel gioco finale ce ne saranno comunque cinque, con le restanti che verranno rivelato man mano che ci avviciniamo all’uscita. Quelle presentate comunque erano il Barbaro, praticamente immancabile, l’Incantatrice e il Druido. Pur senza aver ricevuto notizie specifiche sulle loro abilità abbiamo notato una fisicità molto maggiore rispetto al terzo capitolo, con colpi che sembrano davvero andare a segno e con mosse speciali che fanno davvero malissimo. Il Barbaro frutterà la sua possente forza fisica per colpire con armi grandi e grosse, così come con doppie armi, eseguendo colpi in salto, dando calcioni che fanno arretrare i bersagli, arrabbiandosi di brutto aumentando i danni inflitti e gettandosi nella mischia con attacchi corpo a corpo devastanti. L’incantarice invece ricorda il mago di Diablo 3 grazie ad alcune mosse come la pioggia di ghiaccio che rallenta i bersagli fino a congelarli, ma può anche evocare meteore dal cielo e e usare fulmini per colpire più avversari. Infine il Druido sembra prendere alcune caratteristiche dai due appena menzionati, potendo usare sia alcune magie elementali che evocano le forze della natura, sia trasformarsi in orso o lupo mannaro per procurare un sacco di danni a distanza ravvicinata. Manca ancora una classe “agile” tipo il cacciatore di demoni e una che possa fornire un po’ di supporto come faceva il monaco ma, come dicevo, devono ancora presentare due classi, quindi è molto probabile che stiano lavorando su qualcosa del genere.

Rivedere un vero Diablo dopo quasi 10 anni dal precedente è una gran bella cosa, specie in questa versione più cupa e cruda che ha anche mostrato un nemico di grossa taglia che infilzava con gli artigli un eroe e lo mangiava! Tutte queste novità si affiancheranno ovviamente alla natura che è sempre stata di Diablo, ciò il recupero di oggetti sempre più potenti con cui personalizzare i propri eroi, mentre questi salgono di livello, ottengono punti abilità, abilità speciali prima e rune dopo, per poterle ulteriormente potenziare. Speriamo quindi che Diablo 3 abbia insegnato molto a Blizzard, tracciando una strada che potrà essere percorsa e ampliata da questo attesissimo Diablo 4. La presentazione per noi non poteva essere migliore, specie perché chi parteciperà al Blizzcon potrà anche provare di persona i tre eroi presenti. Noi non possiamo che gioire al ritorno di questa magica serie e sperare che il gioco ottenga quanto prima una data da farci segnare sul calendario, visto che per ora non è ancora stato comunicato nulla a riguardo. È però interessante notare che uscirà, oltre che su PC (e forse anche su Mac, visto gli standard della casa californiana), anche su PlayStation 4 e Xbox One, facendo intuire che dovrebbe essere pronto prima dell’arrivo della next-gen che si aprirà con molta probabilità nel mese di novembre 2020. Una nuova Sanctuarium ci aspetta e sembra la più spietata, lugubre e divertente di sempre.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Sviluppatore / Blizzard Entertainment
  • Produttore / Blizzard
  • Doppiaggio / Italiano
  • Sottotitoli / Italiano
  • Giocatori offine / 1 - 4
  • Giocatori online / 1 - 4
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Hack and slash, Action RPG su PlayStation 4, Xbox One, PC

Pegi 18

Social Net

Ultimi Commenti