Tokyo Mirage Sessions FE Encore - Anteprima

Fire Emblem e lo showbusiness?!?

di Andrea Piaggio / giovedì 09 gennaio 2020 / Anteprima

Anche in questo 2020 appena iniziato Nintendo continua con la riedizione per Switch di giochi originariamente usciti su Wii U. Tokyo Mirage Sessions FE Encore (dove FE sta per Fire Emblem) non esce però in un momento a caso. Arriva infatti tra l’originale Persona 5 e la sua versione definitiva Royale, ma anche qualche mese dopo quello che molti considerano il miglior Fire Emblem di sempre. Noi che abbiamo giocato a fondo l’originale per Wii U, lo stiamo già rigiocando grazie ad un codice fornito da Nintendo e, prima della recensione vogliamo iniziare a raccontarvi come ci sembra questa versione potenziata.

Il mio primo impatto con il gioco è avvenuto in portabilità. Conoscevo il titolo e ricordavo i primi momenti di un un’avventura che non perde tempo con prologhi di chissà quale durata prima di farci entrare nelle dinamiche del combattimento a turni, motivo d’orgoglio per questo JRPG davvero singolare. La prima cosa che inevitabilmente noterete è che nonostante ci sia di mezzo Nintendo, solitamente prontissima nel tradurre in italiano le sue produzioni, anche questa edizione “definitiva” rimane in inglese come già il predecessore. Anche se la storia si segue senza grandi problemi, vista anche la possibilità di far procedere i testi solo dopo aver premuto un pulsante, la speranza che l’italiano avesse raggiunto questa produzione era concreta e avrebbe garantito un valore aggiunto di non poco conto. Non è cambiato nulla nemmeno sul versante censura, con abiti più castigati per le protagoniste che nella versione giapponese continuano a mostrarsi in bikini e, in generale con vestiti provocanti (sono idol, dopo tutto). Il cambio di guardaroba ha però coinvolto le versioni americane ed europee e sperare che in questa versione si potesse rimediare - magari attraverso un’opzione – non è servito. Non cambia nulla all’esperienza, però un po’ dà inevitabilmente fastidio.

Dopo avervi detto quello che manca, è però il caso di dirvi quello che c’è in più, d’altronde sono stati aggiunti tutti i contenuti originariamente scaricabili a pagamento su Wii U. Abbiamo quindi vestiti extra (carini ma non certo imperdibili) ma soprattutto i tre dungeon di supporto, perfetti per allenare ulteriormente i personaggi e farli crescere di livello. Certo, poi asfalterete i nemici che vi si parano davanti nella storia, però potete sempre alzare il livello di difficoltà o moderare il loro uso. Tutti nuovi invece alcuni episodi della storia utili per sbloccare alcuni extra, compresa una canzone inedita, ma soprattutto per mettersi alla prova con qualcosa di mai visto (e giocato) che si va ad aggiungere al già notevole numero di contenuti del gioco base. Non pensate però di potervi godere subito questi extra perché il gioco li rende disponibili pian piano, evitando di rovinare il bilanciamento di un titolo che sa come offrire sfide all’altezza e un gameplay classico ma anche riuscito, fatto di abilità (skill) da legare insieme a quelle di altri personaggi che potranno concatenarsi con la vostra, creando combinazioni devastanti e fighissime da vedere. In questo caso vi segnalo che – altra novità - se lo vorrete potrete abbreviare queste animazioni semplicemente premendo un tasto quando si attivano.

Quello che potrebbe stupire molti di quelli che non lo hanno giocato al tempo è che Tokyop Mirage Sessions FE Encore è un gioco profondo, divertente e stilisticamente esagerato ma anche bello da vedere. Dico che potrebbe stupirli perché è facile essere scettici riguardo un titolo che punta sul mondo giapponese delle idol e dello showbusiness per creare un JRPG. Anche se propone un ambiente “superficiale” e fatto di apparenza, la sua anima è tutt’altro che banale, offrendo soddisfazioni continue a tutti quelli che amano il grinding per vedere fin dove si possono spingere i personaggi. Le situazioni per farlo non mancheranno di certo e nella prossima imminente recensione vi racconteremo al meglio tutto quello che c’è da sapere sui miglioramenti tecnici presenti e sul valore di questa uscita, sia per chi non lo ha mai giocato, sia per chi ha già avuto modo di innamorarsi di questo strano mondo fatto di artisti che si esibiscono sparando fulmini e trasformati in eroi di Fire Emblem.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 17/01/2020
  • Sviluppatore / Atlus
  • Produttore / Nintendo
  • Doppiaggio / Giapponese
  • Sottotitoli / Inglese
  • Giocatori offine / 1
  • Raggiungi la pagina ufficiale

JRPG su Nintendo Switch

Pegi 12

Acquista

Social Net

Ultimi Commenti