Dragon’s Crown Pro – Recensione

Gli hack ‘n slash esistono e resistono ancora oggi ma i beat’em up a scorrimento hanno vissuto il loro momento di gloria a cavallo degli anni ’90, un periodo che tra Double Dragon prima e Final Fight poi, ha portato a spendere centinaia di monetine nei coin op. Le mode cambiano, i giochi si evolvono e se oggi si vogliono rivivere quegli anni occorre rivolgersi sempre ai soliti nomi che hanno fatto la storia del genere. Una delle rarissime eccezioni è stato Dragon’s Crown, picchiaduro a scorrimento di Vanillaware arrivato sul mercato per PlayStation 3 e PlayStation Vita a pochi mesi dall’avvento di PS4. Con la scusa di proporci il titolo con tutti i DLC e con l’ausilio del 4K (caratteristica esclusiva per i possessori di PS4 Pro), possiamo ricominciare la nostra avventura con Dragon’s Crown Pro in questo bellissimo mondo in 2D.

Ancor prima di parlarvi della storia, in un beat’em up come questo occorre parlare dei personaggi da utilizzare, capaci da soli di elevare o affossare sul nascere qualsiasi esponente del genere. Ambientandosi in un mondo fantasy, la proposta si basa su guerriero, mago, nano, elfa, amazone e strega, classi per certi versi banali che però riportano alla mente classici come Dungeons & Dragons: Chronicles of Mystara e l’immortale Golden Axe.

In Dragon’s Crown viene ripreso il classico schema che prevede un solo tasto per gestire l’attacco, ma le possibilità vengono arricchite tramite le direzioni verso cui muoverete durante il colpo: colpire tenendo la levetta verso l’alto significa effettuare un colpo che tende ad alzare i nemici per aria, mentre spingerla verso il basso fa partire una scivolata o una schiacciata se la mossa è eseguita in aria. A questi colpi base si aggiungono le peculiarità delle classi, bilanciate secondo diversi parametri ma, soprattutto dotate di mosse a abilità uniche.

Il guerriero per esempio è la classe consigliata per i principianti grazie all’ottima difesa e alla facilità di utilizzo, ma è facile lasciarlo dopo qualche ora in favore di personaggi con approcci più particolari. Con l’amazzone per esempio i colpi sono inizialmente più lenti, ma la possibilità di attivare lo status berserk le concede maggiore velocità e potenza d’attacco. Chi invece vuole puntare subito sulla potenza dovrebbe rivolgersi al nano, il tank del gruppo. Se si preferisce un approccio a distanza vi viene in aiuto l’elfa, che può colpire con il suo arco e che comunque si dimostra la più veloce e rapida del gruppo. Se invece si punta sul supporto agli alleati conviene scegliere la strega, capace di creare oggetti curativi, alterazioni di status mentre gli altri si danno da fare. Il mago è invece capace di sbaragliare tutti i nemici sullo schermo con un solo colpo, ma la sua scarsa difesa lo rende adatto ai giocatori più esperti.

Una delle migliori caratteristiche di Dragon’s Crown Pro sta nel poter giocare insieme ad altri tre giocatori in locale (oltre che online), ma se questa possibilità non è sempre attuabile non preoccupatevi: attraverso il recupero di ossa durante gli stage da affrontare, potrete resuscitare degli eroi appartenenti alle sei classi appena illustrate per farli combattere con voi grazie all’IA. Uno dei tanti miglioramenti meno pubblicizzati di questa edizione Pro sta proprio nella migliore gestione dei combattimenti da parte di alleati e nemici.

Purtroppo il gioco può essere complesso all’inizio se si sceglie un personaggio che richiede un po’ di pratica per essere gestito al meglio, ma in linea generale non si può dire che il titolo sia eccessivamente complesso. Questo difetto – che comunque va migliorando quando si sbloccano i nuovi livelli di difficoltà – insieme alla confusione che quattro eroi possono creare sullo schermo costringendoci a cercare la freccetta colorata sulla nostra testa, è l’unico davvero significativo in questa grandiosa commistione di azione forsennata ed elementi RPG che sembrano provenire da Diablo.

Iniziare a giocare a Dragon’s Crown Pro sarà molto semplice, con una serie di step che ci guideranno verso i punti fondamentali della città che funge da hub principale. C’è il negozio della strega che vende e ripara equipaggiamento, c’è la Gilda dove migliorare il personaggio con i punti abilità acquisiti e ricevere missioni secondarie, c’è il palazzo reale che spesso ci fornisce missioni principali, il tempio di Canaan dove possiamo resuscitare le ossa trovate in cambio di un po’ d’oro e via di questo passo. Sempre da lì potremo poi procedere verso il portale della città, zona che funge da ponte per gli stage in cui combattere.

Quelli che possono sembrare classici livelli a scorrimento orizzontale sono in realtà più articolati di quanto si creda visto che, oltre alla progressione da sinistra a destra che ci porterà allo scontro con il boss di turno, attraverso le missioni secondarie potremo aprire porte o zone prima precluse. Riaffrontare uno stage è quindi un’operazione non solo prevista, ma anche consigliata per portare a casa nuovi bottini provenienti da missioni opzionali, oltre ad ulteriori punti esperienza che fanno sempre comodo. Senza considerare poi il fatto che procedendo con la trama sbloccherete una deviazione importante per ciascuno dei 9 livelli principali, raddoppiando di fatto la longevità complessiva.

Ho lasciato volutamente la storia per ultima perché solitamente in questi giochi si sceglie di proporre qualcosa di semplice e diretto. Dragon’s Crown Pro sembra prendere questa direzione grazie ad un inizio che vede un regno nel caos e un re scomparso a caccia della leggendaria e potentissima Corona del Drago. Andando avanti però la storia prende pieghe più interessanti e originali, scegliendo di raccontare anche colpi di scena ben orchestrati e funzionali, specie se si pensa al genere d’appartenenza del titolo. Il rammarico più grande può arrivare dal modo in cui la storia è narrata, ossia attraverso schermate più o meno fisse con dialoghi in inglese o giapponese in base alla vostra scelta. Sono comunque presenti i sottotitoli in italiano ma la staticità di queste fasi (comunque mai più lunghe di due minuti e, volendo, skippabili), potrebbero far storcere il naso a diverse persone nonostante l’altissimo livello artistico dell’opera Vanillaware.

Occupando appena 6 giga sull’hard disk della console, è facile pensare che Dragon’s Crown possa essere un titolo non particolarmente curato o comunque breve. La risposta può sorprendere in entrambi i casi visto che abbiamo impiegato una ventina di ore circa per completare il gioco la prima volta e che molte altre ne abbiamo spese per migliorare gli altri personaggi che comunque condividono tra loro gli equipaggiamenti e gli alleati resuscitati ma non la progressione della storia vera e propria. Scelta apparentemente strana ma in realtà apprezzabile per poter imparare a padroneggiare con criterio i vari personaggi con sfide graduali.

Per quanto riguarda lo stile artistico di Dragon’s Crown Pro invece, è facile innamorarsi da subito dei personaggi, e non solo perché le fanciulle sono estremamente procaci e sexy anche se impugnano un’ascia grande quanto loro. L’eccesso delle forme e dei colori sono infatti un tratto distintivo della produzione, mettendo in mostra dettagli che, specie attraverso il 4K, risultano davvero impressionanti. Animazioni e attacchi sono studiati a regola d’arte, così come i nemici che appaiono numerosi in varietà ma sempre disegnati con elementi distintivi specifici, sia che si tratti di un semplice scorpione, sai di un fantasma o di un vero e proprio boss. Effetti grafici devastanti creano alcuni dei problemi di leggibilità dell’azione di cui vi ho già parlato, ma fanno comunque un gran bell’effetto mentre colorano lo schermo.

All’inizio potrà sembrarvi tutto esagerato, ma dopo pochi minuti sarete felici della scelta intrapresa dal team di sviluppo. Non vanno poi dimenticate le musiche che in questa edizione sono state riarrangiate e completamente orchestrate rendendole ancora più emozionanti e vibranti. Un lavoro con i fiocchi dunque, che culmina con la possibilità di trasferire i salvataggi delle versioni per PS3 o PSVita per evitare di ricominciare da zero un’avventura che potreste aver già iniziato cinque anni fa.

Dragon’s Crown Pro è un sogno ad occhi aperti per tutti quei giocatori che hanno amato i picchiaduro a scorrimento di una volta. Dietro ad una semplicità che rende immediato l’approccio, risiede un titolo dotato di grandi elementi RPG e di una sorprendente varietà. Insieme ad una qualità artistica indiscutibile troviamo poi uno degli ormai rari giochi che accolgono quattro giocatori sullo stesso schermo, diventando capace di catalizzare intere serate. Per i giocatori solitari resta comunque un ottimo gioco single player grazie alla migliorata IA e ad una storia che si segue volentieri, tra livelli da esplorare, equipaggiamenti sempre più utili da rinvenire e personaggi da migliorare costantemente. Un titolo imperdibile per gli appassionati del genere ma anche per chi vuole scoprire un action RPG di altissima qualità.

Pro
  • – Gameplay immediato ma profondo
  • – Sei eroi unici e caratterizzati alla perfezione
  • – Tanti modi di riaffrontare i livelli
  • – Giocabile anche in quattro sullo stesso divano
  • – Comparto artistico strabiliante
  • – Nuova colonna sonora orchestrale
Contro
  • – Un po’ di confusione a schermo
  • – Livello di sfida moderato

Ultimi articoli

NBA 2K23 – Recensione

I miei primi passi con NBA 2K stato sono stati con la versione 2012 che, guarda caso, aveva Michael Jordan in copertina. L’impatto con quel

Read More »

Ultime news

PAW Patrol: Gran premio è disponibile!

Outright Games, uno dei principali editori globali di prodotti d’intrattenimento interattivo per famiglie, in collaborazione con Paramount Consumer Products, Nickelodeon e Spin Master Ltd., un’azienda

Leggi Tutto »

Questo sito utilizza cookie, anche di proprietà di terze parti, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Continuando la navigazione si considera accettato tale uso. Leggi l’informativa cookie: in essa sono indicate anche le modalità con cui potrai disabilitarli in qualsiasi momento.