World of Warcraft: Dragonflight: Tutto quello che c’è da sapere

Il 29 novembre a mezzanotte Blizzard Entertainment lancerà World of Warcraft: Dragonflight, la nona espansione del franchise.

La nuova avventura è ambientata nelle Isole del Drago, un nuovo continente con cinque zone. Le isole esistono da anni nella tradizione di World of Warcraft, ma questa è la prima volta che i giocatori potranno esplorarle.

Blizzard ha anche annunciato il rinnovamento di alcune caratteristiche principali e l’introduzione di una nuova razza e classe giocabile. Mentre le Isole del Drago si risvegliano e i giocatori si preparano a entrare in una nuova era di avventure, scoprite le novità in arrivo con la nuova espansione del gioco.

Cinque cose da sapere sulla nuova espansione

  1. Su cosa verterà il gameplay di Dragonflight?

Le Isole dei Draghi erano un tempo il cuore del regno dei draghi, fino a quando furono costretti a lasciarsi alle spalle la loro antica patria in seguito al Grande Disgregazione, che fu il risultato degli attacchi della Legione ad Azeroth e che vide gran parte della magia delle isole prosciugata.

Ora le isole si stanno risvegliando, tornando a essere piene di magia elementale, e i draghi sono pronti a reclamare la loro eredità e a tornare al loro legittimo posto di protettori di Azeroth. Tuttavia, le Isole sono indubbiamente cambiate negli ultimi 10.000 anni, con nuove sfide e il riemergere di vecchi nemici che devono essere affrontati e superati prima che i draghi possano davvero reclamare la loro casa ancestrale.

Avventurandosi nelle Isole dei Draghi, i giocatori potranno aiutare i draghi, scoprire le loro antiche terre e svelare segreti a lungo dimenticati, oltre a incontrare altre razze mortali, come i Tuskarr, che stanno facendo ritorno a Dragonflight.

  1. Dove si svolge Dragonflight?

L’espansione si svolge in un continente inesplorato, le Isole del Drago. Essendo rimasto nascosto per più di 10.000 anni, è un luogo di cui pochi hanno sentito parlare e in cui ancora meno sono stati, quindi c’è molto da esplorare per i giocatori vecchi e nuovi.

Le Isole del Drago sono il più grande continente mai realizzato per un’espansione di World of Warcraft, progettato appositamente per la Cavalcata dei Draghi, una nuova forma di movimento aereo nel gioco. I giocatori potranno solcare i cieli delle nuove zone e guadagnare una cavalcatura drago personalizzabile in ognuna delle quattro zone principali di livellamento.

Le Isole sono composte da cinque zone: quattro di esse sono zone di livellamento, mentre Forbidden Reach è la zona di partenza per gli evocatori dracthyr. Alla prima partita, i giocatori possono avanzare nelle zone solo in ordine:

  • The Forbidden Reach (solo evocatori Dracthyr)
  • The Waking Shores
  • Ohn’ahran Plains
  • The Azure Span
  • Thaldraszus
  1. Quali nuovi personaggi saranno presenti nell’espansione?

L’espansione aggiungerà una nuova razza draconica chiamata Dracthyr, la prima combinazione di razza e classe giocabile di World of Warcraft. I giocatori potranno passare da una forma umanoide a una forma draconica per combattere i nemici e superare gli ostacoli, entrambe personalizzabili durante la creazione del personaggio.

I Dracthyr avranno una classe giocabile unica: l’Evocatore. I giocatori dovranno scegliere la loro alleanza, tra Orda e Alleanza. Gli Evocatori hanno due specializzazioni chiave: devastazione e conservazione, il che significa che possono combattere dal cielo con attacchi di fiato infuocato e utilizzare abilità magiche per la guarigione al fine di sostenere i loro alleati.

I giocatori saranno introdotti alla storia del Dracthyr in una nuovissima esperienza iniziale e potranno fare pratica con le nuove abilità prima di esplorare le Isole del Drago. Dracathyr è disponibile per i giocatori a partire dal livello 58.

  1. Quali sono le nuove funzioni?

Dragonflight introdurrà un sistema di talenti più complesso che permetterà ai giocatori di creare nuove combinazioni di incantesimi e abilità. L’albero principale “di classe” conterrà abilità di utilità per la propria classe, mentre gli alberi di “specializzazione” potenzieranno i poteri offensivi o curativi, e si concentrerà sulle prestazioni del ruolo corrente e si adatterà alla specializzazione in cui ci si trova. Quando i giocatori sceglieranno una specializzazione, l’albero verrà modificato in base alle loro esigenze.

Con il nuovo sistema di alberi dei talenti, i giocatori potranno creare combinazioni di incantesimi e abilità che prima non erano possibili.

Anche l’interfaccia utente riceverà il primo grande rinnovamento in 18 anni e migliorerà il design in modo da essere più attraente, accessibile e regolabile. I giocatori possono aspettarsi un aspetto più ordinato, con una minimappa più grande e una barra della salute più semplice. Anche l’HUD è stato migliorato e i giocatori potranno ora spostare elementi selezionati sullo schermo che possono essere salvati, modificati, copiati e nominati.

  1. Quali sono le nuove professioni di Dragonflight?

In Dragonflight, le professioni subiranno un’enorme revisione e i tre aspetti principali saranno:

  • Ordini di crafting – permette ai giocatori di richiedere ad altri giocatori di creare qualcosa per loro, anche se non hanno la professione o la specializzazione giusta per farlo da soli;
  • Specializzazione dell’artigianato – consente di creare oggetti di qualità superiore concentrandosi su un’area particolare di un settore scelto;
  • Qualità – anche la qualità degli oggetti artigianali è stata aggiornata, il che significa che migliore è l’oggetto, maggiore sarà la sua utilità.

Di conseguenza, i giocatori potranno affinare il loro mestiere, il che può portare a una vasta clientela basata sulla reputazione di oggetti di alta qualità.

Se volete saperne di più su World of Warcraft: Dragonflight, consultate il sito web di World of Warcraft o, per gli aggiornamenti in tempo reale, seguite il canale Twitter ufficiale.

Ultimi articoli

Ultime news

Questo sito utilizza cookie, anche di proprietà di terze parti, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Continuando la navigazione si considera accettato tale uso. Leggi l’informativa cookie: in essa sono indicate anche le modalità con cui potrai disabilitarli in qualsiasi momento.