Code Vein - DLC Lord of Thunder - Recensione

Il terzo e ultimo DLC avrà fatto centro?

di Salvatore Cardone / mercoledì 08 aprile 2020 / Recensione

A distanza di circa un mese dal rilascio del secondo DLC, Frozen Empress, debutta Lord of Thunder, terzo e ultimo contenuto aggiuntivo confezionato da Bandai Namco per Code Vein. Il souls-like in stile anime si arricchisce così di un ulteriore livello dei temibili Sotterranei, la cui esplorazione conduce il giocatore alle porte di una nuova e temibile minaccia, rappresentata da nemici sempre più ostici e da un livello di sfida altissimo ma gratificante, e gli permette di sbloccare nuovi Veli di Sangue, nuove armi, nuovi gesti e oggettistica varia, seguendo in ogni caso una linea strutturale ben definita. Dopo aver passato qualche ora in “compagnia” del nuovo temibile boss e aver vagato per la nuova - inospitale - area, siamo pronti a fare il punto di quello che, in tutta onestà, ci è sembrato sin dalle prime battute un supporto post lancio tutt’altro che encomiabile.

Una volta reperita la nuova Mappa delle Profondità, da consegnare all’apposito PNG presente all’hub centrale, è subito possibile accedere alla nuova area; sin dalle primissime battute - ancora una volta e forse anche di più che in passato - si rivela incredibilmente anonima e soprattutto strapiena di asset riciclati sia per le creature che per i luoghi. Inoltre, rispetto al secondo DLC, questo terzo add-on compie un grosso passo indietro anche in termini di varietà estetica: se Frozen Empress colpiva per una veste certamente più ispirata e meno abusata rispetto al gioco base, Lord of Thunder risulta solo un estensione di quanto già ampiamente visto altrove, cosa che rende l’esplorazione estremamente noiosa e ripetitiva. A compromettere ulteriormente le cose ci pensano i nemici: questi sono gli stessi del gioco base e non c’è traccia di alcuna aggiunta rispetto a quelli ordinari. In più la loro disposizione è meno convincente rispetto a quanto avveniva nei precedenti DLC: mai un agguato, mai un accerchiamento, gli stessi avversari sono meno “cattivi”, ma sopratutto fin troppo evidenti e, di conseguenza, eccessivamente facili da aggirare. L'aggravante è sta poi nella dimensione dell'area visto che per mapparla al 100% bastano appena pochi minuti. Nel complesso, il nuovo livello dei Sotterranei è un passo indietro abbastanza evidente rispetto ai suoi due predecessori, e ci sentiamo di bocciare in toto (o quasi) la scelta del team di chiudere in tal modo un Season Pass già sottotono e trascurabile.

Delusi dall'estetica, la nostra attenzione si è quindi rivolta ai boss e al nemico finale dell’area, con la speranza che potessero rappresentare una sfida valida e salvare in qualche modo un’espansione (venduta al costo di 9,99€ o inclusa nel Season Pass) altrimenti ingiustificabile. Come per gli altri DLC, questo miracolo avviene soltanto a metà, ancora una volta a causa della sensazione che gli sviluppatori abbiano giocato al risparmio un'altra volta. I due mini-boss, custodi delle chiavi necessarie per sbloccare il nemico finale del dungeon, sono infatti presi dal gioco base e impreziositi di giusto qualche movenza aggiuntiva, senza però convincere mai. Ci sono sembrati abbastanza difficili da battere, ma più per via dell'altissimo livelli di danno che potevano approtare che per meriti dati da nuove e imprevedibili mosse. Una volta abbattuti è tempo di misurarsi con la vera star del DLC: il Signore del Tuono. Questa gigantesca e coriacea creatura è decisamente la più ispirata del pacchetto, sia sotto il profilo estetico, sia sotto quello del moveset e della difficoltà generale dello scontro. Al netto di una costituzione fisica tutt’altro che leggera, il nemico è in verità agilissimo e scattante, e per tener fede alla sua natura di simil chimera attacca il giocatore con una rapidità ed un’aggressività tipiche dei felini. I suoi scatti a quattro zampe riescono a coprire l’intera area circostante in un battito di ciglia, rendendo lo scontro una continua lotta contro i riflessi e i nervi saldi. Come si evince dal nome, ha come aggiunta al suo arsenale una serie di attacchi elementali molto complessi da evitare e fastidiosi da subire che, nella maggior parte dei casi, compromettono la mobilità stessa del nostro alter ego e rendendoci facile preda.

Combatendo più volte il boss, così come negli altri due DLC, a seconda del tempo impiegato e di alcuni obiettivi centrati, si possono sbloccare nuovi oggetti, tra cui alcuni Veli di Sangue molto interessanti. Ci è capitato di sbloccarne uno nettamente migliore già ad un livello di potenziamento modesto (+6) del nostro di livello massimo, cosa che, in tutta onestà, ci ha fatto molto piacere scoprire. Portare a termine più volte il dungeon può certamente potenziare non poco il nostro alter-ego, e su questo non ci piove, ma, lo ribadiamo, ci aspettavamo decisamente di più da questo terzo e ultimo add-on e più in generale da un po’ tutta questa linea di contenuti post lancio, che ha rappresentato sin dalle primissime avvisaglie un passo indietro difficile da spiegare rispetto al materiale di partenza.

Questo terzo e ultimo DLC del pacchetto relativo al supporto post-lancio di Code Vein ci ha sicuramente deluso, non tanto per il contenuto in sé, ma soprattuto perché chiude in un modo incredibilmente anonimo e svogliato un percorso che avrebbe potuto e dovuto aggiungere materiale di valore ad un titolo valido, che si è dimostrato una delle opere più interessanti dello scorso anno. La nuova area portata in dote dagli sviluppatori è anonima, povera e soprattutto facile da completare e poco remunerativa da esplorare, affidando così al boss il compito di salvare la baracca. Il Signore del Tuono in parte ci riesce, poiché è forse uno dei boss più riusciti dell’intera produzione, ma ciò non riesce a farci piacere un espansione affrettata e senza guizzi.

Pro

- Il nuovo boss è veramente molto bello da vedere e da affrontare

- Nuovi Veli di Sangue e nuove armi interessanti

Contro

- Longevità ridotta all'osso

- Mappa anonima e priva di stile

- Artisticamente (e non) è un riciclo continuo di assett e soluzioni già viste

Redazione

5,2

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 27/09/2019
  • Sviluppatore / Shift
  • Produttore / Bandai Namco Entertainment
  • Doppiaggio / inglese
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1
  • Giocatori online / 1 - 2
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Azione, Gioco di Ruolo su Xbox One, PlayStation 4

Pegi 16

Acquista

Social Net

Ultimi Commenti