Layton's Mystery Journey: Katrielle e il complotto dei milionari - Recensione

Gli enigmi sono un vizio di famiglia!

/ giovedì 12 ottobre 2017 / Recensione

Era il lontano 2008 quando su Nintendo DS è comparso il titolo Layton e il paese dei misteri riscuotendo un enorme successo ed entrando, di diritto, a far parte dei giochi più belli e caratteristici della console, merito anche delle illustrazioni, animazioni e dei personaggi bizzarri che compongono l’ampio spettro caratteriale del gioco. La saga di Layton conta ad oggi sei titoli, divisi tra Nintendo DS e Nintendo 3DS, tra le quali un crossover che vede Hershel Layton e Luke Triton insieme all'avvocato di Capcom Phoenix Wright, e il titolo che arriva in questi giorni sugli scaffali. Layton's Mystery Journey: Katrielle e il complotto dei milionari è l’ultimo arrivato di casa Level 5, un puzzle game con protagonista per l’appunto Katrielle, la figlia del Professor Layton. Il titolo uscito per Nintendo 3DS il 6 ottobre 2017 era già presente sul mercato dal 20 Luglio 2017 su iOs e Android, ma in questa recensione parleremo della versione dedicata al sempreverde portatile Nintendo.

Katrielle è una giovane ed intraprendente ragazza che in quel di Londra mette su un’agenzia investigativa, la Layton Detective Agency. Al suo fianco troviamo Ben Greegy e il cane parlante Sherl che la seguiranno durante i casi. Esatto, avete capito bene, un cane parlante. È proprio lui il primo caso, un po’ trascurato all’inizio, che capita a Katrielle sotto mano. Un cane parlante che non ricorda chi è, finendo per chiedere aiuto alla figlia del miglior investigatore al mondo. Gli scenari che si susseguono sono caratterizzati da clip animate e doppiate interamente in italiano e le ambientazioni rappresentano una Londra davvero caratteristica e nello splendido stile alla quale Level-5 ci ha ormai abituato
L’avventura è sempre piena di rompicapi: non c’è più un unico grande enigma da risolvere contornato da tanti piccoli rebus, bensì tanti piccoli grattacapi che alla fine andranno a comporre il grande mistero. Questo significa che i casi da risolvere saranno svariati e diversi tra loro, comportando la ricerca di indizi che successivamente porteranno alla soluzione del singolo caso.
Anche in questo titolo le interazioni con i personaggi nei vari scenari è molto importante per avere informazioni utili e risolvere enigmi che faranno aumentare la vostra banca dei Picarati. questi, come in passato, sono il punteggio che viene dato ad ogni singolo enigma. Più alta è la difficoltà del rebus più è alto il punteggio dei Picarati. Se risolviamo l’enigma in una volta sola guadagneremo il punteggio pieno. Più tentativi si fanno, più il punteggio diminuisce. Inoltre, al termine dell’avventura, in base ai Picarati che siamo riusciti a raccogliere si sbloccheranno enigmi e contenuti aggiuntivi.

Come in passato, oltre ad interagire con i personaggi che popolano le vie della città, sarà importante esaminare anche le guglie, gli orologi e faldoni che troverete. Oltre che ad alcuni oggetti collezionabili troverete anche le monete aiuto che sono nascoste in ogni scenario presente nel gioco. Le potete scovare grazie alla lente d’ingrandimento rappresentata dal puntatore con la quale il giocatore interagisce ed analizza ogni oggetto. Se vi trovate in un vicolo cieco dove non riuscite proprio a risolvere un enigma, potrete spendere alcune monetine per ricevere fino a tre suggerimenti utili per risolvere il grattacapo in questione, indicandovi cosa fare o come arrivare alla soluzione. Cercatene sempre tre in ogni scenario, mi raccomando!
La difficoltà degli enigmi è alla pari dei precedenti capitoli. Ce ne sono alcuni molto facili ed intuitivi ed altri più difficili che implicano sì la logica, ma anche una visione trasversale degli elementi, portando il giocatore a pensare oltre gli schemi. Quindi leggete attentamente la descrizione data all’inizio del quesito, perché anche una sola parola può cambiare la vostra idea fino alla soluzione.
Se poi siete stanchi di risolvere enigmi, di girovagare per Londra e colloquiare con gli strambi personaggi che la popolano, ecco che arriva una piccola la novità: in Layton’s Mistery Journey infatti c’è la possibilità di personalizzare, oltre che l’aspetto di Katrielle, anche l’arredamento dell’agenzia di Chancer Lane.

Layton's Mystery Journey: Katrielle e il complotto dei milionari è un titolo che non si discosta troppo dai suoi predecessori. Per chi ha già giocato ai titoli passati sembrerà strano vedere dei personaggi nuovi prendere il posto di Hersel e Luke - e che infatti rimangono insuperabili -, però troverà affascinante ritrovare le caratteristiche stilistiche che sono rimaste invariate, così come come il gameplay alla base, evitando di trovarsi spiazzato ed entrando subito in sintonia con i comandi che sono comunque pochi e semplici. Chi invece prova per la prima volta questa serie, si troverà davanti un gioco coinvolgente, ricco e divertente con delle musiche degne di nota, illustrazioni davvero belle e tanti, tanti misteri da scoprire.

Pro

- Gameplay semplice ed intuitivo

- Possibilità di personalizzare l’abbigliamento di Kat e arredare l’agenzia

- Tanti casi singoli che portano ad una soluzione immediata

Contro

- La mancanza del duo delle meraviglie, Hershel e Luke, si fa sentire

- Ricerca degli indizi ottima, ma la soluzione finale è sbrigativa e non coinvolge

Redazione

8,0

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 06/10/2017
  • Sviluppatore / LEVEL-5
  • Produttore / LEVEL-5
  • Doppiaggio / Italiano
  • Sottotitoli / Italiano
  • Giocatori offine / 1
  • Raggiungi la pagina ufficiale

Avventura grafica, Puzzle Game su Nintendo 3DS

Pegi 7

Acquista

Social Net

Ultimi Commenti