Ralph Spacca Internet - Recensione

Avventura nel misterioso mondo di internet!

di Marino Puntorieri / giovedì 10 gennaio 2019 / Recensione

Il 2019 all’insegna delle visioni cinematografiche è cominciato con il nuovo film d’animazione di Walt Disney Ralph Spacca Internet, a distanza di quasi 7 anni dal capostipite che era riuscito tanto a sorprendere e divertire grandi e piccini rispetto ai cartoni più classici. Vuoi per lo stile artistico denso di colori accesi, la caratterizzazione del buon (o forse è meglio dire “cattivo”) protagonista, o anche semplicemente la spropositata mole di riferimenti ai personaggi più iconici dei cabinati di tutto il mondo, è stato impossibile, per un qualsiasi nostalgico delle sale giochi, non affezionarsi alle peripezie di Ralph e compagnia. Vedere il seguito al cinema era praticamente un obbligo per il sottoscritto, ma devo ammettere di essere uscito dalla sala non completamente soddisfatto.

 

La storia che si dipana in Ralph Spacca Internet prende piede a sei anni di distanza dal predecessore, con la piccola Vanellope von Schweetz ormai vera star del gioco di corse (Sugar Rush) di giorno e perenne compagna di bevute e chiacchiere con il suo fidato migliore amico Ralph a chiusura della sala giochi. Le giornate si susseguono tutte con la stessa ripetitività e se questo al nostro omone va più che bene, non si può dir lo stesso per la piccola pilota. La rottura del volante del cabinato di Sugar Rush e conseguente collegamento di tutta la sala giochi tramite Wi-fi diventa la scusa perfetta per andare alla scoperta di nuove avventure nel misterioso posto chiamato internet, alla ricerca di una nuova periferica da spedire tramite eBay che permetta di salvare tutti gli abitanti dello zuccherato gioco di corse.

L’entrata nel mondo di gioco del violentissimo Slaughter Race rischia di incrinare definitivamente il rapporto tra i due amici pixellosi; Vanellope si ritrova tra l’incudine ed il martello, tra il sogno di rimanere in quel gioco così frenetico e senza regole e quello di far ritorno a casa per riprendere la più classica delle routine. Il ritmo del film realizzato da Phil Johnston e Rich Moore risulta però altalenante, con pochi picchi che riescono a catturare davvero l’attenzione dello spettatore. La volontà di dare forma ad internet, tra tutte le associazioni attuali del caso, riesce solo a metà e se da un lato fa piacere ritrovare la raffigurazione di haters, commenti, autolike, spam eccessivo di pubblicità durante la navigazione e la riproposizione delle stesse in chiave Disney, manca quel pizzico di magia in più che ha da sempre contraddistinto le sue produzioni, diventando nella maggior parte dei casi semplice visione fine a se stessa.

Fortunatamente da ciò si salva la sessione centrale legata alle peripezie dei nostri protagonisti nel sito Oh My Disney, con personaggi nuovi e vecchi presentati a ripetizione in modo magistrale; dai soldati cloni di Star Wars (si, con tanto di musichetta), passando per i sette nani, fino a Baby Groot e l’immancabile Stan Lee, non si può non rimanere estasiati. Momento che poi quasi da solo eleva la produzione, l’incontro tra la piccola Venelope e le altre principesse Disney conosciute in tutti questi anni e conseguente pigiama party: orchestrato per far divertire come non mai lo spettatore e con astuzia rompere quasi quella maschera che conferiva la visione più classica e tradizionale della principessa stessa. Terminate queste sequenze però torna un po’ l’amaro in bocca, complice una caratterizzazione dello stesso Ralph sorprendentemente sottotono per far spazio (forse in modo eccessivo) all’ottima personalità della piccola pilota, condita con molteplici sfaccettature.

Ralph Spacca Internet è un film riuscito solo a metà, una visione discreta che rischia di rimanere poco impressa nella mente dello spettatore dopo i titoli di coda. Fortunatamente le scene nel mondo Disney ed i vari interventi delle principesse riescono a toccare picchi di qualità elevatissimi, rischiando quasi di mettere in secondo piano tutte le altre sequenze. Il tema della vera amicizia, che può legare anche a distanza due persone volenterose di seguire i propri sogni, riesce da un lato a conferire un’ottima caratterizzazione al personaggio di Venelope, ma dall’altro affossa il buon vecchio Ralph, uno dei migliori personaggi realizzati nell’ultimo decennio.

Pro

- Le principesse Disney valgono da sole il prezzo del biglietto

-Il mondo  Internet è ben mostrato e contestualizzato con molteplici sfaccettature

Contro

- Caratterizzazione di Ralph non pervenuta

- Ritmo spesso altalenante

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Regia / Phil Johnston, Rich Moore
  • Produttore / Walt Disney Pictures
  • Musica / Henry Jackman
  • Attori / John C. Reilly, Sarah Silverman, Gal Gadot, Taraji P. Henson, Alfred Molina
  • Genere / Animazione
  • Durata / 112 minuti

Acquista

Social Net

Ultimi Commenti