Redeemer: Enhanced Edition - Recensione

La pazienza (non) è la virtù dei forti

di Marino Puntorieri / mercoledì 07 agosto 2019 / Recensione

Sono passati circa due anni dall’approdo del violento Vasily sulle piattaforme PC e finalmente anche i videogiocatori di qualsiasi console, tramite un’edizione rinvigorita da alcune novità, hanno la completa libertà di immergersi nelle brevi, quanto intense, peripezie del monaco meno pacifico che si abbia mai avuto modo di conoscere. Ne abbiamo approfittato tuffandoci sulla versione Xbox One senza pensarci più di tanto e ne siamo usciti tutto sommato soddisfatti, dando in parte sfogo alla rabbia interiore normalmente repressa. Ma andiamo con ordine, ricordando che si tratta di un lavoro prodotto da uno studio estremamente piccolo, dal nome Sobaka Studio e composto da solo cinque persone.

 

 

Anche se non ce ne era proprio bisogno, Redeemer: Enhanced Edition presenta una trama molto semplice che giustifica la possibilità di fare stragi di nemici, missione dopo missione. L’ex mercenario di un gruppo d’élite si ritira in uno sconfinato monastero nascosto tra le montagne per passare il resto della sua vita alla ricerca della pace interiore, ma il passato burrascoso proprio non ci sta a lasciarlo in pace e si presenta per interrompere la nuova vita spirituale di Vasily. Senza troppi giri di parole ci ritroviamo subito a fronteggiare orde di mercenari e vecchi “colleghi” che reclamano la nostra testa. Mettiamoci dentro anche qualche pseudo stereotipo sui classici esperimenti segreti legati alle mutazioni genetiche (che in qualche modo sbucano fuori durante il procedere dell’avventura) ed avremo un cocktail estremamente violento e servito freddo. Come già detto però, le poche scene legate alla storia tra gli scenari sono un semplice escamotage per alzare le mani (e non solo).

Le missioni sono in tutto 16 e per raggiungere i titoli di coda, a difficoltà normale, ci abbiamo impiegato 6 ore scarse, con la possibilità di una difficoltà maggiore ed un’interessante modalità Arena dove poter dar prova delle abilità acquisite sconfiggendo orde di nemici man mano sempre più numerose. Ulteriore particolarità di questa versione è anche la coop per giocare in compagnia di un amico ed aumentare ulteriormente il divertimento e la frenesia degli scontri durante le sessioni. Ci sono anche diversi collezionabili sparsi tra i livelli per sbloccare in un’apposita  galleria presente nel menù di gioco e visionare numerosi disegni e schizzi preliminari di personaggi, nemici ed ambientazioni. Quest’ultime risultano solo a tratti davvero ispirate, soprattutto nelle prime missioni ed alcune sessioni specifiche quasi a tinte horror dell’enorme laboratorio a metà avventura, ma si segnalano anche numerosi settings troppo riciclati e che scadono quasi nell’anonimato generale.

Dal punto  di vista del gameplay, per chi non avesse ancora inquadrato il genere, Redeemer: Enhanced Edition mescola sapientemente il genere browler con la possibilità di utilizzare anche numerose  tipologie di armi da fuoco, con una visuale isometrica che proprio durante le sparatorie strizza l’occhio al violento e iconico Hotline Miami. Si segnala anche la possibilità di improvvisare alcune brevi sessioni stealth, decisamente semplici nelle meccaniche, che però finiscono per enfatizzare un IA nemica non proprio brillante. Il combat system, invece, ben si approccia ai controller delle console, grazie alla possibilità di concatenare pugni e calci per aver la meglio sui nemici, o di usufruire di diversi oggetti contundenti (come lame,martelli, bastoni ecc.), senza dimenticare la possibilità di sfruttare l’ambiente circostante a proprio favore e terminare con brutalità il malcapitato di turno.

Peccato per le boss-fight presenti, esigue per numero e varietà delle meccaniche proposte:  sotto questo punto di vista  c’erano  tutti i presupposti per osare di più ed andare oltre a quello che, a conti fatti, risulta un mero compitino. Fortunatamente gli sviluppatori hanno inserito sapientemente un albero delle abilità suddiviso su due rami principali per stratificare e dar valore ai progressi missione dopo missione. Da un lato si  possono potenziare le abilità da Monaco legate al corpo a corpo, oggetti contundenti, recupero vita e non solo, mentre dall’altro ci si può concentrare sullo sviluppare migliori capacità da Soldato imbracciando le diverse armi da fuoco presenti nel gioco. Perks e skills, insomma, che ci permettono di concatenare attacchi sempre più devastanti e spettacolari, fino a diventare un'inarrestabile macchina da guerra.

Dove invece Redeemer: Enhanced Edition vacilla maggiormente è nel comparto tecnico. Graficamente l’Unreal Engine 4 viene sapientemente utilizzato per dare valore e profondità alle ambientazioni ed alcuni scorci specifici, ma il frame rate è risultato vistosamente instabile in diverse sessioni, facendoci completare alcuni livelli a fatica; le situazioni dove si presentano numerosi nemici su schermo sono potenzialmente in grado di incrinare l’intera struttura, con buona pace del videogiocatore obbligato anche in alcuni casi a dover riavviare il gioco. La palette cromatica dei colori invece risulta soddisfacente, così come le animazioni di soldati e belve durante gli scontri, merito  sempre del motore grafico  sopra menzionato. Ultimo, ma non meno importante da segnalare, un campionamento sonoro discreto senza infamia e senza lode.

Redeemer: Enhanced Edition è in fin dei conti un buon titolo che arricchisce il folto catalogo online con un prodotto immediato, divertente e frenetico. Se menare le mani contro qualsiasi cosa vi capiti intorno fa parte del vostro stile di vita (interiore, si spera), non dovete assolutamente farvelo scappare. Diversi singhiozzi tecnici, come gli evidenti cali di frame ed una telecamera a volte ballerina, minano in parte l’esperienza complessiva, ma il lavoro dei ragazzi si Sobaka Studio riesce comunque a difendersi discretamente. In compagnia, poi, è tutto ancora più selvaggio e divertente, regalando sfide appaganti ed ancora più frenetiche. Per chi invece ha già comprato ai tempi la versione originale su PC, l’aggiornamento è del tutto gratuito.

Pro

- Frenetico e violento

- Buon sistema di progressione

- In coop aumenta il divertimento

- L'arena è una buona aggiunta per i più tenaci

- Prezzo al lancio giusto...

Contro

... ma solo se non lo avete già giocato su PC

- Cali di frame vistosi e fastidiosi all'inverosimile in alcuni punti 

- Boss fight non all'altezza

Redazione

7,0

Vota anche tu eseguendo il login

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Data di uscita / 19/07/2019
  • Sviluppatore / Sobaka Studio
  • Doppiaggio / inglese
  • Sottotitoli / italiano
  • Giocatori offine / 1-2

Picchiaduro a scorrimento, Shoot'em up su PC, Xbox One, PlayStation 4, Nintendo Switch

Pegi 16

Social Net

Ultimi Commenti