I Giochi di Giugno 2020 - Speciale

Niente E3 ma tanti giochi

di Andrea Piaggio / lunedì 01 giugno 2020 / Speciale

Giugno è sempre stato un mese importante per il mondo dei videogiochi, fosse solo per l’E3 che ci ha accompagnato fin dal 1995 e che ha segnato le tappe che ci hanno portato fin qui. Quest’anno l’evento è stato annullato, insieme a tanti altri ma le aziende si sono organizzate e ci aspettano comunqeu tante dirette importanti a cui assistere. In questo mese non mancano nemmeno i giochi di un certo peso, giochi che abbiamo riassunto in questo speciale, elencandovi i più grandi in arrivo.

 

5 giugno

The Outer Worlds – Versione Switch

La versione per PC e console maggiori è arrivata lo scorso autunno e quindi qualcuno potrebbe chiedersi perché il suo arrivo su Switch è così importante. Il fatto è che The Outer Worlds si è dimostrato un ibrido che unisce FPS e RPG in puro stile Fallout, gioco sul quale hanno lavorato proprio gli sviluppatori dell’amato episodio New Vegas. Anche senza mappe immense questa uscita ci porta ad esplorare pianeti diversi in cui svolgere missioni per personaggi bizzarri e ben caratterizzati, offrendo durante l’avventura diramazioni di trama e situazioni in cui la vostra scelta influisce davvero. Situazioni profonde ma anche tanto humour (potete anche creare un personaggio con poca intelligenza per sbloccare risposte stupide) ci portano un’uscita non lunghissima ma comunque rigiocabile che su Nintendo Switch potrebbe trovare la sua casa ideale.

51 Worldwide Games (Switch)

Sempre su Switch e sempre il 5 arriva un altro gioco che in realtà ne contiene una marea! 51 Worldwide Games è una raccolta di minigiochi che, onestamente non so nemmeno se possono essere definiti tali, visto che alcuni sembrano avere una notevole complessità. Si tratta di 51 giochi da tavolo che comprendono sfide a carte, il classico Forza 4, Pannelli scorrevoli su cui creare un percorso, ma anche versioni semplificate del Bowling, del baseball, delle freccette, del pugilato e del golf. E poi ancora piste elettriche, curling, pesca e tiro al bersaglio… tutte attività che entrano dentro alla scheda e che promettono di accompagnarci un po’ ovunque, qualsiasi sia il nostro livello di abilità o le nostre preferenze. 51 Worldwide Games è quindi una raccolta per tutta al famiglia che cerca di accontentare tutti, proponendo istruzioni anche parlate per facilitare a tutti la comprensione. Come capirete facilmente non è un gioco “classico” ma potrebbe rivelarsi una delle tante mosse intelligenti di Nintendo quando si tratta di immettere sul mercato prodotti strani che però attirano più il giocatore occasionale rispetto a chi, per esempio, ha appena fatto suo Xenoblade Chronicles.

 

9 giugno

Elder Scrolls Online: Greymoor (PS4 e XB1)

Il mese scorso la nuova espansione Greymoor, dedicata ad The Elder Scrolls Online, è arrivata su PC, ma ora è il momento della versione console per PS4 e Xbox One. Stavolta le nostre avventure arriveranno a Skyrim la regione che ha ospitato il quinto amatissimo e più famoso capitolo. Una nuova avventura, tante nuove side quest, eventi globali e tanta magia oscura aspettano i tanti che vogliono scoprire come proseguono le vicende a cui Bethesda ha dato il via con l’espansione minore Harrowstorme successivamente con il prologo vero e proprio. Il gioco, lo ricordiamo, sarà anche un MMORPG, ma al contrario di altre uscite si può giocare tranquillamente anche in solitaria e senza un gruppo. Poi magari vi creerete un party andando avanti nell’avventura, ma senza alcun obbligo. L’unica cosa che gli manca è una traduzione in italiano, ma dubitiamo che arriverà mai. Se però amate il genere fantasy potreste rimanere sorpresi dalla complessità dell’opera e dalle sue ambientazioni (specie ora che si torna a Skyrim).

 

16 giugno

Desperados 3 (PS4, XB1 e PC)

Dopo tantissimi anni in soffitta, ritorna uno dei giochi più interessanti dedicati al Selvaggio West. Mettete da parte quell’incredibile free roaming d Red Dead Redemption 2 e immaginate un titolo in cui si muove un pistolero e i suoi compari in missioni che vanno analizzate con attenzione e in cui le particolari abilità dei nostri personaggi si incastrano nella “risoluzione” delle situazioni più disparate. I più esperti potrebbero aver anche giocato i due capitoli originali o addirittura i tre Commandos, strategici che si svolgevano nella seconda guerra mondiale, ma da quello che abbiamo visto, sembra che questo nuovissimo capitolo avrà le stesse dinamiche di base, a cui si aggiungeranno diverse novità, tra cui la possibilità di pianificare ogni mossa in pausa, per poi far agire in sequenza i vari protagonisti, cosa infattibile nei precedenti capitoli. L’atmosfera western e le tante situazioni in cui ci troveremo lo rendono il secondo gioco più atteso di questo mese dal sottoscritto, curioso di vedere come saranno adatti i controlli via pad in un titolo che in realtà nasce su PC per essere giocato con mouse e tastiera. Vi saprò sicuramente dire di più nei prossimi giorni.

 

19 giugno

The Last of Us Part 2 (PS4)

Se qualcuno, leggendo poche righe più su,  si fosse chiesto qual è il gioco da me più atteso più atteso questo mese, qui avrete facilmente la risposta. The Last of Us Part 2 è infatti uno dei giochi più attesi dell’anno, troppe volte rimandato e ora finalmente in arrivo. Dopo averla protetta in ogni modo nel primo episodio nei panni di Joel, stavolta prenderemo il controllo direttamenet di Ellie, la giovane, ora cresciuta, che da anni combatte nel mondo post-apocalittico ideato da Naughty Dog. Abbiamo visto vari trailer per capire cosa dovremmo aspettarci da questa uscita, ma sono sicuro che l’unico modo per apprezzarlo sarà giocarlo sulla propria pelle, magari riuscendo ad evitare informazioni troppo rivelatrici. Per questo motivo mi sento solo si dirvi che dal 19 giugno, la vostra PS4 vi metterà in contatto con quella che, molto probabilmente sarà la ultima, più grande produzione. Ah, ricordate che il gioco sarà comunqeu compatibile anche con la nuova PS5, quindi non sembra proprio esserci motivo per farselo scappare.

 

Burnout Paradise (Switch)

Arrivato sulla vecchia generazione di console, ritornato qualche tempo fa sottoforma di Remasterd sull’attuale generazione, Burnout Paradise non sembra voler smettere di correre e ora si mette a far danni anche su Nintendo Switch. Soprassedendo sul prezzo di vendita tutt’altro che adatto ad un gioco uscito per la prima volta ben 12 anni fa, non si può fare a meno di pensare quanto sarà bello ritornare a sfrecciare per le strade chiassose di Paradise City con la canzone omonima dei Guns ‘N Roses in sottofondo. Tutti i DLC saranno presenti menter cercherete di guadagnare patenti sempre più elitarie correndo a perdifiato contro avversari da far schiantare, salti vertiginosi, acrobazie aeree, derapate e turbo. Se questa edizione riuscirà a girare a 60 frame per secondo, mantenendo tutta l’adrenalina dell’originale e della recente Remastered, va a finire che mi ritroverò a sfondare cartelloni anche questa volta…

 

23 giugno

Assetto Corsa Competizione (PS4 e XB1)

Di tutt’altra pasta è invece fatto Assetto Corsa Competizione, simulatore tra i più accurati in circolazione e basato su vetture e corse della GT World Challenge. Aderenza, aerodinamica, parametri del motore, elettronica e sospensioni sono regolati per restituire al giocatore il massimo del realismo. Caratteristiche ricercate e indubbiamente raggiunte nella versione PC uscita già da circa un anno, ma ora che il titolo arriva su console come la mettiamo? Chi possiede postazioni dedicate con volante e pedaliera, possibilmente ancorati ad una playseat, non dovrebbe avere alcun tipo di problema ad immergersi in questa incredibile realismo, ma se si dispone solo di un pad? In questo caso, come già avvenuto con altre uscite simili, immagino che sarà necessario smanettare parecchio con le impostazioni e soprattutto scendere a compromessi, ma come e quanto il gioco ne uscirà snaturato lo potremo sapere solo all’uscita. In attesa di quella data, iniziate ad allenarvi perché il realismo proposto è qualcosa di difficilmente immaginabile per chi non ha mai provato un’uscita di Kunos Similazioni… o una vera auto da competizione.

 

30 giugno

The Legend of Heroes: Trials of Cold Steel III (Switch)

Gli appassionati di JRPG che hanno un Nintendo Switch anche questo mese non rischiano di rimanere a bocca asciutta grazie a Falcom e a The Legend of Heroes: Trials of Cold Steel III, terzo capitolo di una saga non proprio conosciutissima al grande pubblico occidentale, ma ricca di soddisfazioni per gli appassionati. Anche se i vari capitoli sono legati tra loro (nel menu principale vi aspetta un riassunto, ma sarebbe meglio aver giocato le due uscite precedenti), le dinamiche di combattimento e di personalizzazione del proprio party sono davvero riuscite. Il gioco ha una narrazione molto solida con una ondamenta di una storia complessa e ramificata, in cui emergono i nuovi personaggi chiamati in causa per essere addestrati dal personaggio principale, rende la narrazione più profonda di quanto ci si possa aspettare. Il fatto che il gioco sia in inglese e che su Switch non esistano i due capitoli precedenti potrebbero frenare molti giocatori, ma se amate i JRPG originali e fatti bene, non dovreste perderlo.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

su PlayStation 4, Nintendo Switch, Xbox One, PC

Acquista

Social Net

Ultimi Commenti