I giochi di Maggio 2020 - Speciale

Il mese fiacco che non ti aspetti

di Andrea Piaggio / venerdì 01 maggio 2020 / Speciale

Marzo e aprile, nonostante gli enormi problemi sanitari a livello mondiali, ci hanno portato diversi giochi a dir poco importanti e attesi. Al di là della distribuzione che poteva essere problematica, non abbiamo riscontrato slittamenti di sorta. Maggio sarà invece il mese che più risentirà di questo fenomeno, con parecchi titoli che sono stati spostati in autunno, aumentando il numero di uscite che ci aspetterà nei mesi finali di questo tremendo 2020. Qualcosa però arriva e quindi qui sotto troverete i titoli a cui, secondo noi, dovreste almeno dare un’occhiata.

 

18 maggio

 

The Elder Scrolls Online: Greymoor (PC, dal 2 giugno PS4 e XB1)

Già il fatto che il primo gioco arrivi il 18 maggio dovrebbe dare un segnale forte sulla situazione che vi dicevo poco fa. Per fortuna il primo titolo è la nuova grande espansione annuale di The Elder Scrolls Online, titolo che spessissimo si recupera in digitale. Stavolta le nostre avventure arriveranno a Skyrim la regione che ha ospitato il quinto amatissimo e più famoso capitolo. Una nuova avventura, tante nuove side quest, eventi globali e tanta magia oscura aspettano i tanti che vogliono scoprire come proseguono le vicende a cui Bethesda ha dato il via con l’espansione minore Harrowstorm e successivamente con il prologo vero e proprio. Il gioco, lo ricordiamo, sarà anche un MMORPG, ma al contrario di altre uscite si può giocare tranquillamente anche in solitaria e senza un gruppo. Poi magari vi creerete un party andando avanti nell’avventura, ma senza alcun obbligo. L’unica cosa che gli manca è una traduzione in italiano, ma dubitiamo che arriverà mai. Se però amate il genere fantasy potreste rimanere sorpresi dalla complessità dell’opera e dalle sue ambientazioni (specie ora che si torna a Skyrim).

 

26 maggio

 

Minecraft Dungeons

Il nuovo titolo a tema Minecraft è l’eccezione alla regola, in quanto doveva uscire a marzo ma è stato rimandato a maggio, arricchendo un po’ questo strano mese. L’idea è quanto di più semplice si possa pensare visto che prende le meccaniche dei classici dungeon crawler alla Diablo e li adatta alla lore e al mondo id Minecraft. Il risultato sembra spettacolare e in grado di garantire partite su partite in cui migliorare il proprio personaggio, ottenere nuove armi ed equipaggiamenti e sconfiggere sempre nuovi nemici. Il gioco arriva su tutti i recenti sistemi, compreso Windows 10 e Xbox One, su cui sarà scaricabile gratuitamente per i possessori di Game Pass. Tutti gli altri comunque non si disperino visto che costerà appena 20 euro e potrete giocarlo insieme ai vostri amici sia online che in locale, modalità che secondo noi è la migliore in assoluto per questo genere di uscite. Appuntamento quindi per il 26 maggio per iniziare ad esplorare e combattere in stile Minecraft.

 

29 maggio

 

Xenoblade: Chronicles – Definitive Edition

Il primissimo Xenoblade Chronicles, uscito ufficialmente per Nintendo Wii nel 2010, non vuole saperne di fermarsi e dopo essere arrivato su New Nintendo 3DS, ora arriva anche su Nintendo Switch con la sua edizione definitiva. Felicissimi di sapere che ci sarà un nuovo epilogo, texture in alta definizione, miglioramenti generali e brani rimasterizzati, ma il punto cardine resta la possibilità di (ri)giocare questo favoloso action JRPG su una console come Nintendo Switch. La storia di Shulk della Monade, la misteriosa spada di cui entrerà in possesso e con cui potrà giocare con il tempo (tra le altre cose) è rimasta nel cuore di un sacco di giocatori, insieme ad ambientazioni magiche e ad una colonna sonora indimenticabile. Anche se la grafica è stata rivista non aspettatevi un gioco “completamente nuovo” ma, anche con 10 anni sul groppone, scoprirete che in fondo non ce n’era bisogno. Non vediamo l’ora di riscoprirlo, ancora una volta.

 

Utawarerumono: Prelude to the fallen

Qui ammetto che vorrei vedervi mentre chiedete al commesso di un qualsiasi negozio una copia di Utawarerumono e la faccia che vi farà di rimando… sempre che lo troviate nei negozi, visto la particolarità del gioco targato Nis America. Ci troviamo infatti di fronte ad un RPG che – indovinate un po’ – più giapponese di così non si può. Grafica semplice e sottotitoli unicamente in inglese sono il minimo per un titolo che offre battaglie a turni in cui si possono usare chain attack in base al personaggio scelto, attacchi in coppia e una seri edi variabili utili per differenziare gli scontri. Di più non vi dico perché, anche la pagina ufficiale non è che sveli chissà quale meccanica, ma per i più appassionati delle produzioni giapponesi va tenuto d’occhio.

 

Bioshock The Collection - Borderlands Legendary Collection - XCOM 2 Collection

Poco tempo fa 2KGames ha annunciato tre diverse collection in arrivo su Switch a fine maggio Si tratta di uscite datate ma che possono dare più di qualche soddisfazione a chi vorrà giocarli.
Due sono sparatutto in prima persona ma non potrebbero essere più diverse. Bioshock the Collection conterrà l’originale Bioshock, il suo sequel e Bioshock Infinite, comprensivo di due DLC piuttosto importanti per offrire una narrazione completa a chiunque rimarrà affascinato dalle varie opere. Inoltre la giocabilità viene arricchita dai plasmidi, poteri che rendono ancora più vari e spettacolari i tanti scontri da affrontare nelle utopiche città di Rapture e Columbia.

Borderlands Legendary Collection contiene sempre tre giochi, ma molto diversi in fatto di concezione. Lo humour nero regna sovrano in titoli in cui la caccia al bottino, alle missioni e al miglioramento del personaggio regnano sulla storia. In questo “Diablo con le armi da fuoco” ci troveremo a fronteggiare un mondo in stile Mad Max, in cui noi potremo impersonare quattro diversi personaggi, ognuno con abilità uniche. Il tutto mentre affronteremo missioni sempre più pazze e troveremo armi tanto distruttive quanto uniche, grazie ad un sistema che fornisce loro statistiche e proprietà casuali quando è il loro momento di essere raccolte. Da notare che questa è la prima collection di Borderlands a contenere il primo episodio in edizione rimasterezzata, insieme a The Pre-sequel e soprattutto al magnifico Borderlands 2, il capitolo più riuscito in assoluto.

Termina questo trittico di compilation XCOM 2 Collection, strategico a turni riuscitissimo che unisce la versione standard di XCOM 2 con l’eccellente espansione che trasforma la versione base in qualcosa di fondamentalmente diverso e molto migliore grazie a personaggi nemici tutti nuovi, a missioni specifiche e a dinamiche inedite. La scelta di come giocarlo spetterà a voi, ma ricordate che se scegliete di giocare prima la versione che include l’espansione, quella base potrebbe poi sembrarvi un po’ più “vuota”. Forse questa tra le tre è la Collection con meno contenuti (solo un gioco + espansione) e l’idea di inserire anche il primo XCOM Enemy Unknown (oltre ai capitoli storici…) sarebbe stata più gradita, però potrebbe essere il gioco che, in termini di tempo, potrebbe impegnarvi più degli altri. Se siete appassionati di strategici e vi è piaciuto Mario+Rabbids: Kingdom Battle, qui scoprirete il gioco, molto più serio, a cui si è ispirata Ubisoft.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Acquista

Social Net

In evidenza

DOOM Eternal - Recensione

27 marzo 2020

DOOM Eternal

Ultimi Commenti