Le uscite di marzo 2020 - Speciale

Si iniziano a far vedere i primi ritardatari

di Andrea Piaggio / mercoledì 04 marzo 2020 / Speciale

E siamo a marzo, un mese che si prospetta bello intenso e che inizia - finalmente - a buttare fuori un po’ di gioconi tra cui uno dei diversi rinvii che hanno colpito la fine del 2019. Diamoci quindi da fare e vediamo con cosa ci potremo divertire in questo mese.

6 Marzo

Questo venerdì si parte con lo spin off Pokémon Mystery Dungeon: Squadra di Soccorso DX, rifacimento delle due uscite originali che arrivarono su GameBoy Advance e Nintendo DS nel 2005. Questa volta non ci sono di mezzo gli allenatori ma solo Pokémon che noi giocatori impersoneremo direttamente; dovremo esplorare dungeon sempre diversi in un mix tra gioco di ruolo a turni ed esplorazione in tempo reale, con creature da conoscere e con cui fare amicizia e altre che invece andranno combattute. Un titolo che farà la felicità dei tanti fan che 15 anni fa non erano magari nemmeno nati, così come dei più navigati che hanno amato quell’uscita tanto strana quanto originale.

11 marzo

Finalmente è il momento di Ori and The Will of The Wisp, uno dei giochi più attesi dai possessori di Xbox One grazie all’enorme qualità del primo capitolo, considerato un po’ dappertutto come un capolavoro di grafica e di gameplay (specie nella sua versione Definitive Edition). Torneremo a muovere il piccolo Ori in un nuovo incredibile viaggio che, siamo certi, ci porterà a visitare paesaggi incantevoli e magici, anche se avvolti dall’oscurità. Disponibile sia in versione fisica in una bellissima edizione Deluxe, sia gratuitamente per tutti i possessori di Xbox Game Pass, è un titolo da non perdere per gli amanti dei metroidvania ma anche dell’avventura in generale.

13 marzo

In questa data ci aspettano due giochi profondamente giapponesi, chi nell’anima e nei temi trattati, chi per la sua vicinanza ai manga. Il primo è l’ottimo Nioh 2 un soulslike che si unisce ad uno spietato action game per proporvi una nuova avventura nell’antico Giappone feudale, ambientato cento anni prima dell’originale ma con un sacco di novità in termini di gameplay, compresa la trasformazione del protagonista in un diabolico Yokai.

 

Dall’altra parte BANDAI NAMCO ci porta My Hero’s One Justice 2 nuovo capitolo del picchiaduro in cui gli eroi e i super cattivi creato da Kohei Horikoshi se le danno di santa ragione. Rivivremo le vicende dell’anime insieme a All Might, Deku e a tutta la sua classe di eroi, nella modalità storia, potendo anche viverla nei panni dei cattivi, ma non mancheranno anche la possibilità di affrontare missioni speciali o di gettarsi subito nella mischia in modalità Arcade. Per tutti gli appassionati del manga è un acquisto da mettere in conto, e aspettiamo di provarlo per capire se potrà piacere anche a tutti quelli che voglio “solo” un bel picchiaduro.

20 marzo

In questa data ci aspettano al varco due titoli attesissimi che non potrebbero essere più diversi l’uno dall’altro e che, per certi versi, potrebbero essere complementari: DOOM Eternal e Animal Crossing New Horizons. Il primo è uno dei titoli posticipati l’anno scorso che ora ha finalmente una data d’uscita fissata ma, soprattutto, è uno degli FPS più attesi di questo 2020, con il focus dedicato alla campagna per giocatore singolo; l’Inferno è arrivato sulla Terra e l’unico essere in grado di fermarli saremo noi, nei panni del DOOM Slayer, l’ex space marine che ora può contare su un arsenale migliorato, su modifiche alla propria super armatura e su finisher ancora più spettacolari, per un gameplay che vedrà alternare vari tipi di attacchi per ripristinare energie, armatura e munizioni mentre si falciano demoni infernali sempre più tremendi. In altre parole, uno spasso!
Animal Crossing New Horizons è invece l’opposto del frenetico sparatutto, portandoci su un’isola che dovremo rendere sempre più bella e rigogliosa, facendo arrivare i personaggi antropomorfi che abbiamo sempre amato e godendoci le stagioni che passano, gli eventi speciali e una tranquilla vita senza stress. In questa interazione ci sarà la novità del crafting, utile per creare oggetti di design e strumenti come pale, asce e altri aggeggi che gli appassionati conoscono molto bene. Lo attendiamo per tutti i tocchi di classe che nasconde e per la gioia di scoprire come gli altri giocatori avranno abbellito la loro isola, vista anche l’enorme personalizzazione ora che il gioco permette sia dentro casa, che fuori.

24 marzo

Sempre in questi 31 giorni, dopo Ori arriva un’altra esclusiva Microsoft, portata su Xbox One e PX Windows 10 da Ninja Theory. Bleeding Edge è già stato definito “l’Overwatch con le armi da mischia”, per via di un impianto multigiocatore che offre sfide 4 Vs 4 in cui vari eroi caratterizzati da un look fumettoso e soprattutto da abilità specifiche, si danno battaglia cercando la vittoria. Nella beta provata a febbraio, la sensazione che quella descrizione fosse perfetta era forte, cosa comunque positiva; il problema semmai era una gestione degli scontri che sembravano privi delle combo a cui lo sviluppatore ci aveva abituato, rendendo le partite un po’ ripetitive sulla lunga distanza. Prima del rilascio del gioco arriverà un’altra beta che servirà per sistemare i server, ma questo combattimento poco profondo, unito allo scarso numero di guerrieri (poco più di una decina), potrebbe frenare i giocatori. Va però considerato che Bleeding Edge all’uscita costerà solo 30 euro e che, tra l’altro, sarà presente fin da subito nel catalogo Xbox game Pass, risultando gratuito per gli abbonati. Poi certo, gli elementi per renderlo migliore andranno inseriti, però intanto potrebbe iniziare a costruirsi una fanbase solida grazie a questo metodo di distribuzione che viene incontro ai giocatori.

27 marzo

L’abbuffata di giochi dedicati ai manga continua con la ciurma di ONE PIECE, che per la quarta volta si butta nel mondo dei musou per accontentare tutti quelli che vogliono veder finire a zampe all’aria i cattivi, a botte di cinquanta per volta. One Piece Pirate Warriors 4 promette di farci vivere la serie fin dagli inizi, ripercorrendo i momenti più intensi del manga e dell’anime, unendo il malmenare i cattivi con la caratterizzazione di eroi e cattivi. Stavolta poi potremo distruggere anche edifici e parti di mappa, portando l’azione a livelli ancora più alti. Di sicuro bisogna apprezzare il genere ed non ci si deve annoiare a picchiare un sacco di energumeni per poi arrivare al boss (e picchiare anche quello), però gli ingredienti per giocare uno dei migliori musou sul mercato ci sono tutti.

31 marzo

Il mese di marzo termina con Persona 5 Royale, l’edizione espansa di uno dei migliori JRPG di questa e di parecchie altre generazioni. La storia di Joker e dei suoi Phantom Thieves ha colpito un sacco di giocatori, portando la serie di ATLUS a diventare una delle più famose e celebrate anche in occidente. Gli ottimi risultati ottenuti hanno convinto il produttore a creare questa versione migliorata e potenziata, che include un nuovo semestre nella scuola dei protagonisti, una nuova area di Tokyo, nuovi personaggi, missioni e storie, oltre alla caratteristica più attesa per noi giocatori dello Stivalone: la traduzione in italiano dei tantissimi testi scritti. Per la prima volta la serie spin-off di Shin Megami Tensei viene sottotitolata in italiano, permettendo così a tutti di godersi un’avventura tra le migliori di questi anni. Un motivo in più per attendere una produzione curata e spettacolare sotto tutti i punti di vista.

Concludiamo questo speciale di marzo nominando 3 uscite più di nicchi ama non per questo da dimenticare: il 13 marzo arriverà Langrisser I & II, collection di due ottimi strategici misti ad RPG che arriveranno su PS4, Switch e PC; il 20 è il turno di un’altra collection dedicata stavolta a La-Mulana 1 & 2, raccolta di due difficili ma riusciti metroidvania; infine il 23 arriverà su PC The Legend of Heroes: Trials of Cold Steel III, altro JRPG eccezionale che non deve ingannarvi per il suo aspetto più semplice rispetto ad altre uscite importanti, poiché nasconde diverse qualità che faranno la felicità di chi guarda più alla sostanza che all’apparenza.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!