Top 10: I giochi più attesi del 2020 - Speciale

I giochi che attendiamo maggiormente, tra quelli annunciati!

di Andrea Piaggio / lunedì 06 gennaio 2020 / Speciale

E alla fine è arrivato il 2020 con il suo carico di aspettative e desideri. Per ora quest’anno è pieno di uscite confermate solo nella prima metà, più alcune eccezioni, ma queste sono già più che sufficienti per farci sognare e per farci creare questa classifica dei titoli più attesi nei prossimi 366 giorni.

10 - Elder Ring

La recente vittoria di Sekiro ai Games Award non avrà  in alcun modo frenato la fame creativa di From Software. Il nostro desiderio è di rivedere questa grande qualità in Elden Ring, il nuovo progetto dello sviluppatore in collaborazione con George R.R. Martin. Elden Ring è una creatura ancora misteriosa, che incrocia simboli celtici religiosi e il fascino della cultura norrena in un modo apparentemente incomprensibile ma dalle grandissime potenzialità. In attesa di capire se riprenderà il classico feeling dei Dark Souls, piuttosto che una deriva differente e più simile a Sekiro (o a qualcosa di totalmente differente) l’hype è già a livelli altissimi. Per fortuna sembra che non dovremo attendere ancora molto per saperne di più.

9 - Ori and the Will of the Wisp

A marzo potremo finalmente giocare a Ori and the Will of the Wisps, l’esclusiva Microsoft che riprende le avventure dell’originale Ori and the Blind Forest uscito cinque anni fa e recentemente arrivato anche su Nintendo Switch. I ritardi e gli slittamenti sono ormai un ricordo e adesso ci sentiamo un po’più tranquilli grazie alle dichiarazioni ufficiali che si uniscono alla nostra prova sul campo fatta a Milano e che ci ha colpito sul piano della qualità generale. Non vediamo l’ora di ritornare nelle ambientazioni ispiratissime dei ragazzi di Moon Studios e scoprire quali creature dovremo sconfiggere e in quanti rompicapi dovremo sbattere la testa per raggiungere i titoli di coda.

8 - Halo Infinite

In questa Top 10 non può mancare Halo Infinite, nuovo capitolo della famosa serie Microsoft, previsto per la fine del 2020 e giusto in tempo per accompagnare il lancio della nuova console Xbox. In realtà le notizie sul gioco sono ancora pochissime e bisognerà aspettare il prossimo E3 per una vera presentazione ricca di contenuti e magari qualche accenno al gameplay. Com’è giusto che sia, gli sviluppatori hanno annunciato che questo sarà il progetto più ambizioso legato alle avventure di Master Chief e che, anche se nel titolo manca il numero 6, si tratta a tutti gli effetti di un seguito del capitolo uscito nel 2015, sperando che stavolta la narrazione possa far tutti felici. Ricordiamo infine che, nonostante si tratti di un Tripla A e nonostante la notizia non sia ancora ufficiale, Halo Infinite dovrebbe essere presente dal day one con l’abbonamento Game Pass, rendendo sempre più conveniente l’incredibile servizio online di Xbox.

7 – No More Heroes 3

Considerando che l’ultimo vero episodio di No More Heroes è uscito sull’originale Wii, in molti davano per disperso il folle Travis Touchdown e il suo mondo. Invece dopo una timida comparsata su Switch l’anno scorso, è stato ufficializzato il terzo episodio di questa originale e pazza saga. La trama più o meno vedeva il nostro anti-eroe scalare la gerarchia criminale per diventare il killer numero 1, ma per farlo doveva affrontare livelli che culminavano con boss fight eclettiche e spesso geniali. La caratterizzazione dei nemici, dei boss e dello stesso Travis è sempre stata favolosa e poter scoprire cosa si sarà inventato anche questa volta quel matto di Suda51 ha fatto entrare in classifica un gioco di cui non sappiamo praticamente nulla. In passato ci ha sempre sorpreso, quindi un po’ di fiducia è d’obbligo.

6 - Ghost of Tsushima

Annunciato nel 2017, l'ultima fatica di Sucker Punch Productions ha immediatamente catalizzato l’attenzione di chi possiede una PlayStation 4. Solo recentemente si è scoperto che si tratterà di un action adventure dominato da dinamiche stealth, ambientato nella splendida cornice del Giappone feudale sull’isola di Tsushima. Impersoneremo Jin Sakai, un samurai pronto a dare la propria vita per combattere l’invasione mongola del Giappone. Anche se nei primi tempi si pensava ad un soulslike alla Sekiro, in realtà la formula di gioco di Ghost of Tsushima sembra essere molto più classica: un open world in cui potremo muoverci in modo stealth e combattere i nemici seguendo le rigide regole del combattimento tra samurai, in cui il tempismo per le parate e i contrattacchi è di vitale importanza. Si sa ancora poco del gioco ma speriamo che il team americano possa sfornare un’avventura equilibrata e con una storia intensa, non ripetitiva e capace di stupirci sia graficamente, sia con dinamiche originali.

5 - DOOM Eternal

Chissà, magari il nuovo DOOM sarebbe potuto entrare nella Top 10 del 2019, ma con lo slittamento al prossimo 20 marzo, la nostra discesa all’inferno è stata rimandata. Se però questo sarà servito a rendere migliore uno dei giochi più frenetici ed esplosivi dell’anno di certo ne sarà valsa la pena. Anche perché la prova effettuata alla Milan GamesWeek è stata sorprendente, grazie ad una fluidità e ad un gameplay che, grazie alla verticalità delle mappe e alla maggiore mobilità del mitico protagonista, diventava ancora più veloce ed esaltante di quanto già non fosse con l’uscita del 2016. Nuove armi, nuove meccaniche come il lanciafiamme da spalla e nuovi nemici, ripresi comunque dai primi storici capitoli, saranno gli ingredienti ideali per quello che gli amanti degli FPS single player considerano già un acquisto obbligato. Non vediamo l’ora di scoprire se potrà piacere anche a tutti gli altri.

4 - The Last of Us Part 2

Sicuramente le esclusive per console sono sempre tra i titoli più attesi dai giocatori, ed è questo l’anno in cui un grande colossal come The last of Us fa il suo ritorno su PlayStation 4 con il secondo capitolo. Dopo ben sette anni dagli avvenimenti del primo gioco abbiamo lasciato l’intero mondo ancora in balia di una crisi post apocalittica, con i nostri protagonisti cresciuti e invecchiati. Da quanto mostrato fino ad oggi non sembra che ci saranno grandi stravolgimenti al modo di giocare, se non per una maggior presenza di umani ostili, rispetto ai Cliker del primo capitolo, e una Ellie sicuramente più combattiva e consapevole di sé stessa. Aspettiamo di scoprire se l’intelligenza artificiale avrà fatto un passo avanti, se il gameplay sarà arricchito con idee innovative e se la trama saprà continuare al meglio le storie dei due amatissimi protagonisti. Sempre sviluppato da Naughty Dog e sempre esclusiva PlayStation 4, lo aspettiamo per il 29 maggio.

3 - Resident Evil 3

Poco tempo dopo il grande successo di Resident Evil 2, la possibilità che il buon vecchio Nemesis si facesse vivo anche sull’attuale generazione di console era già fortissima. Tra l’altro le due storie erano già collegate negli originali, quindi sperare di rivedere Jill e Carlos Oliveira anche in un nuovo remake non era propriamente folle. Per fortuna anche Capcom l’ha pensata così e il prossimo 3 aprile Nemesis farà la sua comparsa. Ancora non sappiamo se ci saranno sezioni inedite come già successo con il remake del 2, ma teoricamente dovrebbe mancare il gameplay ad incroci di Leon e Claire, di fatto assente in un terzo capitolo più lineare. Inoltre, quello che in molti si chiedono è: sarà anche più action? La strada survival ripresa in Resident Evil 2 è stata molto apprezzata e quindi aggiungere più proiettili e azioni come le schivate (presenti nell’originale 3 capitolo) potrebbe non essere la scelta più giusta. Staremo a vedere come Capcom gestirà la situazione, anche perché Nemesis è un personaggio che può rendere molto tesa ogni partita, specie se, come speriamo, le sue entrate in scena non dovessero più essere sempre scriptate.

2 - Final Fantasy VII Remake

Lo abbiamo atteso così tanto che ormai non ci credevamo nemmeno più. Anche dopo la sua presentazione ufficiale era difficile pensare che sarebbe davvero arrivato il suo momento. Invece il prossimo 3 marzo, Cloud, Tifa, Aerith e Barret saranno di nuovi sui nostri schermi, con una marea di poligoni in più e con un gameplay che strizza l’occhio allo storico combattimento a turni senza dimenticare una più attuale deriva action. Le sensazioni dopo averlo provato sono state eccellenti e il possibile arrivo di una demo dovrebbe far sciogliere anche i giocatori più scettici. L’unico problema all’orizzonte semmai è la sua già annunciata divisione in episodi: quanti saranno? Quali sezioni comprenderanno? Come è stato espanso il gioco? Ci troveremo davanti una situazione simile a Lo Hobbit cinematografico o gli innesti saranno effettivamente utili per farci conoscere meglio Midgar e il suo pianeta Gaia? Tutte domande più che lecite a cui speriamo di trovare una risposta positiva non appena il gioco finirà la sua installazione.

1 - Cyberpunk 2077

Dopo aver reso tutti gli onori a The Witcher 3, pubblicando anche due espansioni che chiamarle DLC sarebbe offensivo, CD Project RED si è messo al lavoro su un titolo che potrebbe facilmente essere ancora più affascinante per il pubblico. Dai primi incredibili filmati in CGI si è passati a video di gameplay reale, con alcune dinamiche già viste in Deus Ex, ma anche con una creazione del personaggio e un suo sviluppo molto più profondo. Poi è stato il turno di Keanu Reeves, che sarà presente nel gioco nei panni di Johnny Silverhand e infine, per il pubblico italiano, la notizia non solo che il gioco sarebbe stato interamente doppiato, ma che a doppiare Johnny sarà addirittura Luca Ward, voce ufficiale di Reeves. Questo giusto per dirvi perché Cyberpunk 2077 è il gioco più atteso qui in redazione, senza nemmeno nominare tutte le caratteristiche che saranno presenti in questo FPS dalla fortissima componente GDR. Il 16 aprile sarà un gran bel giorno per tutti noi videogiocatori.

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Social Net

Ultimi Commenti